rotate-mobile
Politica

“Soldi per la povertà utilizzati per il personale comunale, uno schiaffo in faccia ai cittadini più fragili”

Quasi 800mila euro per prorogare contratti e distribuire premi di produttività a Palazzo Spada, l’intervento di Fiorini (Forza Centro): non sapete utilizzare le risorse, il sindaco Latini si dimetta

Riceviamo e pubblichiamo una nota di Emanuele Fiorini, consigliere comunale di Forza Centro, sull’utilizzo delle risorse del fondo povertà da parte dell’amministrazione comunale di Terni.

------------------------------------------

Apprendo con stupore e rammarico quello che sta facendo questa amministrazione, che non ha remore nei confronti dei più deboli.

Con la determina dirigenziale numero 3498 del 3 dicembre 2020 sono state impiegate risorse del fondo povertà pari a 763.585,75 euro per assumere 4 unità categoria D e dare continuità ai rapporti di lavoro attualmente in essere presso l’amministrazione comunale per 5 unità di personale già utilizzato. Al riguardo vorrei capire queste ultime 5 persone interinali quando sono state assunte.

L’amministrazione, non contenta, l’11 dicembre 2020 con un’altra determina ha previsto l’assunzione di un’ulteriore unità, per un importo di 24.000 euro.

Anche se quest’ultimo importo a confronto del precedente è irrisorio, in ogni caso avrebbe potuto donare un sorriso a qualche famiglia bisognosa.

Quei soldi erano destinati alla povertà e potevano essere utilizzati per dare aiuti concreti a tutte quelle famiglie e persone che sono in difficoltà e non si comprende come, dopo aver attivato per un solo dirigente la nomina accedendo alle graduatorie di un altro Comune, oggi che molti dipendenti sono in smart working e alcuni settori per via del Covid sono fermi, si sia potuto assumere personale interinale, dicendo addio ai concorsi.

Addirittura con 14.503,35 euro dei 763.585,75 euro in questione, si sono pagati i premi ai dipendenti comunali per aver messo in campo lavoratori interinali, selezionati da una agenzia interinale.

Ad ogni modo, oltre alla beffa, questo modo di utilizzare le risorse del fondo povertà, sottraendole ai cittadini in difficoltà, fa venire il voltastomaco laddove si pensa al numero sempre crescente di persone che hanno bisogno di aiuto e che non lo ottengono.

Quei soldi potevano essere utilizzati per aiuti concreti alle famiglie, anche per fronteggiare spese che non riescono in questo periodo a sostenere.

Perché non avete rifatto i bandi per le persone da impiegare nei lavori socialmente utili invece di accampare la solita scusa della mancanza dei soldi? Quei fondi non potevano essere in parte utilizzati per dare la possibilità a qualche persona meno fortunata di noi, di reperire 200 euro mensili che per qualcuno sono di vitale importanza? Perché non utilizzare una parte dei soldi per ampliare il contributo affitto?

Tanti interrogativi che lasciano trapelare l’amara impressione che i soldi della povertà, invece che essere utilizzati per la lotta alla stessa, sono diventati una sorta di business.

È proprio incomprensibile come voi assumete 10 unità quando con la determina dirigenziale numero 2357 del 31 agosto 2020 utilizzando i soldi del fondo FSE, Fondo Sociale Europeo, per l’inclusione sociale delle categorie fragili, avendo come finalità il contrasto alla povertà, avete assegnato 64.800 euro all’associazione Terni col Cuore per la distribuzione di buoni spesa e 30.000 euro all’associazione di volontariato San Martino per la distribuzione di prodotti.

L’associazione “San Martino” è la stessa che gestiva e gestisce i migranti appartenenti ai progetti Sprar, in ordine alla cui gestione anche contabile ho presentato nel 2018 un esposto alla procura della Repubblica (al momento non si hanno notizie o forse è già stato archiviato, ma di ciò chiederò delucidazioni al procuratore Liguori).

Questa è un’ulteriore dimostrazione che i soldi disponibili non li sapete utilizzare, avete bruciato più di 900.000 euro che potevano essere una grande potenza di fuoco contro la povertà. Uno schiaffo in faccia ai cittadini più fragili.

È arrivato il momento che il sindaco Latini ritiri le delega all’assessore Ceccotti e poi rassegni le proprie dimissioni. Se ha ancora un briciolo di dignità dichiari THE END!

*consigliere comunale di Forza Centro

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Soldi per la povertà utilizzati per il personale comunale, uno schiaffo in faccia ai cittadini più fragili”

TerniToday è in caricamento