NarniToday

Rifiuti, la scommessa di Narni: si paga per quanto si produce, via alla tariffa puntuale

Nel 2019 cominciano le simulazioni per l’introduzione delle nuove bollette. Ambiente, da domani si piantano 900 alberi fra il centro storico e lo scalo

Narni comune riciclone e verde. Arrivano infatti novità sia dal punto di vista della gestione dei rifiuti che da quello della cura dell’ambiente.

Dal 2019 inizieranno le simulazioni pratiche per l’applicazione della tariffa puntuale per i rifiuti. Ad annunciarlo è l’assessore comunale all’ambiente, Alfonso Morelli, che ricorda gli impegni assunti dall’amministrazione per regolare in futuro il calcolo della tariffa in base a quanto effettivamente prodotto. “Stiamo procedendo insieme a tutta la provincia in maniera graduale - spiega - così da avere il giusto tempo per la redazione di un regolamento ben equilibrato e applicabile per la nostra realtà. In questo 2018, con il coordinamento del sub Ambito 4 dell’Auri e con l’Asm Terni abbiamo iniziato la predisposizione del nuovo modello adeguando i mezzi e le attrezzature in dotazione agli operatori per la lettura dei codici dei contenitori, la verifica delle banche dati delle utenze e le prime prove di controllo operativo del software in dotazione”. Sempre Morelli sottolinea poi che il nuovo sistema si inserisce nel solco delle azioni positive che hanno permesso anche quest’anno a Narni di ottenere il riconoscimento di “Comune Riciclone” per gli enti sopra i 20mila abitanti.

“Un risultato - dichiara - che consolida una gestione virtuosa dei rifiuti urbani e ci pone insieme a tutta la provincia di Terni tra le realtà più importanti del centro Italia. Queste – conclude – sono le premesse per l’applicazione della tariffa puntuale basata sul principio di chi più inquina più paga”.   

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E da domani cominceranno invece le operazioni per la messa dimora di 900 nuovi alberi fra il centro storico e lo scalo. Si tratta soprattutto di lecci, ornelli, alberi di Giuda e aceri campestri. A farlo sarà il Comune che ha individuato le zone dove piantare le nuove alberature che sorgeranno allo scalo al parco comunale e nelle vie adiacenti, negli spazi verdi delle scuole, in via Tuderte, in via Norma Cossetto, a piazza Blasetti e piazza Gassman. Al centro storico invece le aree saranno via Feronia e intorno alla Rocca Albornoz. Il progetto di forestazione, rende noto il sindaco Francesco De Rebotti, è sostenuto da E.On Energia col supporto tecnico di AzzeroCO2.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La protesta a Terni contro le restrizioni del Dpcm. Il corteo da piazza Tacito a Palazzo Spada: "Libertà"

  • Coronavirus, prove tecniche di un nuovo lockdown. E a Terni tornano le file ai supermercati

  • Incidente su via Battisti. Un motociclista falciato e portato con urgenza al pronto soccorso

  • Nuova ordinanza restrittiva: “Chiusura domenicale dei centri commerciali e attività di vendita. Limitazioni per cerimonie e stop allo sport”

  • “Angeli” in corsia nell’ospedale di Terni, la lettera: “Grazie per l’assistenza e la disponibilità verso nostra madre”

  • Tragedia a Terni, rinvenuto dalla polizia di Stato cadavere di un uomo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento