Attualità

“Coniugare sculture, luci e musica elettronica in un Sogno liquido. Risposta inaspettata quanto gradita dai visitatori” VIDEO

La mostra dell’artista Jacopo Benedetti all’interno di CavourArt è visitabile nello spazio D’Annibale in via Roma. Immagini e video

Un esordio da ricordare per Jacopo Benedetti. L’artista originario di Quadrelli infatti ha stretto una sinergia con CavourtArt, mostrando le proprie opere in via Roma, nello spazio D’Annibale. Il Sogno liquido è divenuto un successo, in termini di partecipazione, poiché tanti visitatori hanno varcato la porta di ingresso incuriositi da quanto esposto.

Alla nostra redazione di www.ternitoday.it Jacopo Benedetti ricalca i passaggi significativi dell’attività professionale: “Una volta terminati gli studi, ho conseguito il dottorato in epistemologia, alla Sorbona e collaborato con un portale denominato ‘Flanerì’, andando a scrivere delle recensioni di natura cinematografica, musicale ed artistica”. Da qualche anno l’artista dedica la propria attenzione alla composizione di musica elettronica, con vocazione altamente sperimentale. Ha intrapreso la via della scultura in argilla con la quale non rappresenta cose effettivamente esistenti. Sembrano infatti somigliare a entità provenienti da qualche altra recondita dimensione, o dalle profondità sconosciute del mare.

La partecipazione a CavourArt: “Sono iscritto all’associazione Thyrus. Pertanto ho pensato di proporre alcune delle opere realizzate dal sottoscritto. L’intento è stato quello di coniugare sculture, musica elettronica e luci. Un qualcosa di organico e ben congeniato. Visto il successo avuto fin qui, in termini di pubblico, fosso affermare che la risposta è stata inaspettata quanto gradita. Sotto certi punti di vista – afferma l’artista – ho fatto qualcosa di estremo, cercando di suscitare delle reazioni emotive”.

La descrizione: “Un viaggio che punta a sondare una dimensione onirica, attraverso una componente psichedelica. Tutto ciò suscita un’ambivalenza tra disturbante e attraente, poli diametralmente all’opposto. La musicalità è fatta per indagare il nostro flusso di pensiero quotidiano”. Andate a dare un’occhiata che vale davvero la pena. Gli orari di apertura: venerdì e sabato 18 - 20 e 21,30 - 22,30. Domenica 17 - 19.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Coniugare sculture, luci e musica elettronica in un Sogno liquido. Risposta inaspettata quanto gradita dai visitatori” VIDEO
TerniToday è in caricamento