Bretella Acciai Speciali Terni-San Carlo. Firmata la convenzione: “Infrastruttura strategica. Si chiude entro il 2022”

“Un’opera di cui si parla da vent’anni che diventa realtà”. La firma della convenzione presso gli uffici dell’ex centro multimediale

Salvati, Melasecche e Latini

“Una infrastruttura strategica per lo sviluppo delle acciaierie e, allo stesso tempo, volta a ridurre in città il traffico pesante, a vantaggio della qualità della vita dei cittadini”. Il commento dell’assessore ai lavori pubblici Benedetta Salvati sintetizza la duplice finalità ed i benefici individuati per la realizzazione della bretella Prisciano-San Carlo. Un tracciato di circa 600 metri che si snoderà tra strada della Romita e la rotatoria di Prisciano con accesso diretto sulla Terni-Rieti. L’opera verrà finanziata dalla Regione Umbria con 2,5 milioni di euro del Fondo per lo sviluppo e la coesione (Fsc) 2014-2020, con un cofinanziamento di 150mila euro del comune di Terni, soggetto attuatore dell’intervento.

Gli interventi  

“Un’opera di cui si parla da venti anni – ha sottolineato l’assessore Melasecche – e che diventa realtà. La regione anticipa per conto del Governo il finanziamento necessario al comune di Terni. Già c’è stato un primo anticipo del finanziamento, per consentire di accelerare l’iter di un intervento che è già in fase avanzata e per il quale mi sono impegnato con determinazione anche da assessore comunale. Con la disponibilità delle risorse – ha proseguito – ora potrà trovare concreto avvio e sono certo che il comune effettuerà con celerità ogni passaggio per giungere nei tempi più brevi al traguardo. Il cronoprogramma della convenzione sottoscritta nell’aprile scorso fra la regione e il Ministero delle Infrastrutture e Trasporti – ha proseguito l’assessore – prevede che l’aggiudicazione dei lavori avvenga entro il 2021, fra la fine dello stesso anno e il 2022 l’avvio del cantiere con la chiusura nel giro di un paio d’anni. Ma l’auspicio di tutti è che già nel 2022 la bretella sia completata”.

“Una firma storica, per un’opera fondamentale non solo sotto l’aspetto infrastrutturale, ma per lo sviluppo della città – ha aggiunto il sindaco Leonardo Latini – di cui beneficeranno in particolare le acciaierie, con un nuovo collegamento rapido, veloce e non invasivo per la zona urbana abitata attraverso un tracciato di circa 600 metri fra strada della Romita e la rotatoria di Prisciano, con accesso diretto sulla Terni-Rieti. La firma della convenzione – ha aggiunto - segna infatti l’avvio di un intervento per il quale il comune ha da tempo avviato la progettazione. Ora la regione ci ha assicurato la disponibilità dei fondi necessari, con un anticipo che ci permetterà di procedere con le indagini geologiche e geognostiche e passare poi alle fasi successive che ci consentiranno dopo anni di attesa di arrivare all’apertura della bretella”.

Infine l’assessore Benedetta Salvati ha affermato come, una volta realizzata: “La bretella Prisciano-San Carlo eviterà la circolazione nelle vie cittadine dei mezzi pesanti in entrata ed in uscita dalle Acciaierie, che potranno immettersi direttamente nella viabilità primaria. Nel giro di due anni, grazie anche al progetto scorie, auspichiamo che Prisciano sia libero dalle polveri e dal traffico pesante”.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Umbria zona gialla: nuove misure in arrivo per allentare le restrizioni

  • Terni sotto shock, è morto l’avvocato Massimo Proietti. Il cordoglio delle istituzioni e l'annuncio dei funerali

  • Apre i battenti “Nena, officina creativa”: “Così la mia vita ricomincia a cinquant’anni”

  • Capodanno all'Ast, i nomi delle "star" che si esibiranno a viale Brin. Attesa per il dpcm e l' "incognita pubblico"

  • Coronavirus, a Terni il "primato" regionale per ricoveri anche in intensiva. I dettagli

  • Coronavirus e scuola, l’annuncio della presidente Tesei: gli studenti della prima media tornano in classe

Torna su
TerniToday è in caricamento