Centri sociali, ecco chi rischia lo sfratto

Lettera del Comitato Beni Comuni 11.1 alll'amministrazione comunale: "Siamo un bene prezioso, siamo aperti al confronto"

Dialoghiamo. E' quanto chiede al Comune il Comitato Beni Comuni 11.1

Una lettera lunga e articolata per spiegare disagi e associzioni che rischiano lo sfratto:

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sette mesi fa il Comune di Terni ha deciso di considerare conclusa l’esperienza dei centri giovanili senza avanzare proposte alternative; ha solo richiesto lo sgombero dei locali, annunciando un bando per assegnarli. Per due di loro è, invece, arrivata la comunicazione di chiusura senza bandi: Cimarelli e Palmetta. Stessa sorte ha riguardato i centri sociali anziani e  sarà ,al momento, quella riservata anche alla Casa delle Donne. L’11.1 le organizzazioni dei centri giovanili della città hanno convocato un’assemblea pubblica e da questo primo momento di confronto è nata una rete composita che si è riunita nel Comitato Beni Comuni 11.1. Il Comitato, però, ha solo incontrato il rifiuto del confronto, l’assenza di progettualità condivise e la volontà di chiusura del patrimonio sociale e culturale di questa città. Di fronte a questa chiusura il Comitato ha lanciato una mobilitazione permanente: una manifestazione “IL DITO E LA LUNA” il 9/2, un presidio insieme all’Anpi il 24/2 contro la presentazione di un libro di Casapound in consiglio comunale, l’8/3 la Casa (R)esiste, il 30 Marzo la Cimarelli Parade.

Il Comune di Terni in questi mesi ha attivato 3 differenti bandi per l’assegnazione di 22 immobili e locali. Quello destinato alle attività associative - con scadenza l’8/3/19 - ha visto partecipare 8 associazioni per 6 immobili sui 8 disponibili. Di questi ne sono stati assegnati 4, lasciandone altrettanti liberi. Il bando relativo ai centri anziani - anche questo con scadenza l’8/3 - ha visto  partecipare solo 8 associazione per 11 immobili messi al bando, e di questi ne sono stati assegnati solo 7, lasciando fuori un’esperienza storica come quella del centro sociale Matteotti. Infine, del bando per gli spazi prima dedicati ai centri giovanili scaduto il 18/2 e che riguardava 3 immobili non si sanno ancora gli esiti. Come da noi previsto la politica messa in campo e l’atteggiamento non dialogante sono andati nella direzione della desertificazione sociale e culturale di questa città.

Degli immobili messi a bando quasi la metà non sono stati assegnati. Alcune associazioni come Arciragazzi Gli Anni in Tasca, anziché pagare un affitto all’amministrazione locale, hanno intrapreso la strada della sede presso privati. Intanto, l’associazione il Progetto - ideatrice e animatrice per anni del Progetto Mandela e proprietaria e gestrice del Centro di Documentazione sui Diritti Umani - è anch’essa sotto sfratto e sta cercando la strada per proseguire l’attività di biblioteca con i libri che mette a disposizione della città attraverso un patto di collaborazione, che questa amministrazione non ha ancora voluto sottoscrivere. Stessa inerzia riguarda l’associazione Demetra che, nonostante il progetto Orto 21, non ha avuto alcun riscontro da parte del Comune. Intanto la Casa delle Donne sta raccogliendo in città centinaia di firme per evitare lo sfratto dai locali di Via Aminale.

Ieri tutte queste realtà, raccolte nel Comitato Beni Comuni 11.1, hanno organizzato a Terni un incontro sui “beni comuni”, patrocinato dall’ANCI Umbria, TALK#1_dagli usi ai patti, che soprattutto grazie alla partecipazione della Prof.ssa Valastro del Dipartimento di Scienze Politiche, Università degli Studi di Perugia, ha avuto il merito di mettere molti puntini sulle “i” sui patti di collaborazione e sul rapporto tra cittadini ed amministrazioni locali, le quali devono agire applicando il principio costituzionale di sussidiarietà. Infatti, la logica che anima i patti di collaborazione è opposta a quella che ha ispirato i bandi di concessione degli spazi di aggregazione. La prima è aperta, trasparente, democratica e generativa; la seconda può fare a meno di tutto ciò.
I beni comuni non possono essere individuati a priori o essere circoscritti ad un elenco.
Esiste un regolamento dei beni comuni, che definisce i modi, i tempi e le garanzie della partecipazione. Questo regolamento individua nei patti di collaborazione lo strumento che consente la gestione condivisa dei beni comuni indipendentemente dal trattamento di favore o meno che la amministrazioni locali decidono di riservare ai cittadini e alle loro organizzazioni; e la partecipazione alla stesura dei patti deve essere aperta. Non ci sono lettere di sgombero; non ci sono atteggiamenti intimidatori. La logica dei patti di collaborazione è trasparente, perché le proposte vengono pubblicate sul sito istituzionale, democratica, perché consente la definizione comune di obiettivi e generativa, perché il consenso che creano è indipendente dalle intenzioni dell’amministrazione comunale di turno. I patti di collaborazione non devono essere ridotti al mero strumento per risparmiare sulla gestione degli spazi e sulla loro manutenzione. Dietro una proposta di collaborazione ci sono competenze, desideri, bisogni da affrontare, idee e, soprattutto, persone. Eppure questa amministrazione continua ad ignorare diverse proposte di patto, semplicemente perché chi la propone non è nelle grazie di qualche assessore. Evidentemente c’è chi amministra la nostra città, che non ha ancora capito cosa sia il regolamento comunale sui beni comuni.
 
Per questo motivo invitiamo l’amministrazione Latini a rileggere e a studiare il regolamento del Comune di Terni sui beni comuni, evitando pose monocratiche. L’amministrazione non può opporsi aprioristicamente alle proposte di patto; quindi, chiediamo che venga dichiarata conclusa la stagione pseudo-immobiliarista e fallimentare che ha portato alla pubblicazione dei bandi di assegnazione degli spazi, molti dei quali rimarranno vuoti. Solo in questo modo si può arginare il deserto che avanza e promuovere una cultura dei beni comuni. Attendiamo una risposta.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La protesta a Terni contro le restrizioni del Dpcm. Il corteo da piazza Tacito a Palazzo Spada: "Libertà"

  • Coronavirus, prove tecniche di un nuovo lockdown. E a Terni tornano le file ai supermercati

  • Incidente su via Battisti. Un motociclista falciato e portato con urgenza al pronto soccorso

  • Coronavirus, ordinanza restrittiva di ‘Halloween’: spostamenti solo motivati da autodichiarazione. Chiudono le scuole

  • “Angeli” in corsia nell’ospedale di Terni, la lettera: “Grazie per l’assistenza e la disponibilità verso nostra madre”

  • Coop contribuisce a combattere il Coronavirus: “Abbassato il prezzo delle mascherine chirurgiche in vendita nei negozi”

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento