Cessione delle "quote acqua" del comune Terni. Gli emendamenti del gruppo "Senso Civico"

In una nota il consigliere e capogruppo di "Senso Civico", Alessandro Gentiletti", illustra la natura degli emendamenti alla delibera comunale relativa alla cessione delle "quote acqua" da parte del comune di Terni.

Tiene banco la questione dell'acqua pubblica e la cessione delle quote da parte del comune di Terni in seno al Sii. Sull'argomento, abbiamo ricevuto e pubblichiamo una nota da parte del consigliere comunale e capogruppo di "Senso Civico, Alessandro Gentiletti. 

"Riteniamo sbagliato che sia stato convocato il consiglio comunale per decidere la vendita delle quote di gestione dell'acqua pubblica in questo momento e in queste modalità telematiche, che impediscono la massima trasparenza nei confronti della città. Il mio gruppo consiliare ha comunque inviato undici emendamenti alla delibera al primo punto all'ordine del giorno del consiglio del 13 ottobre 2020.

L'obiettivo degli emendamenti, che ha sottoscritto anche il consigliere Paolo Angeletti che ringrazio, è quello di portare avanti quelle che sono le priorità della città e risolvere alcuni degli aspetti più controversi dell'operazione. Le problematiche sono già emerse nello scorso dicembre, quando la maggioranza fece mancare il numero legale al suo sindaco.

Due emendamenti riguardano la procedura adottata. Si è arrivati, infatti, a questa vendita con negoziazione diretta e non attraverso una gara pubblica o una preventiva ricerca di mercato. Occorre essere sicuri che questo sia vantaggioso per l'ente e per le partecipate coinvolte e che questo rispetti le norme sulla concorrenza. Per questo ho protocollato due emendamenti che, se approvati, prevederanno l'obbligatorio esperimento preventivo di una ricerca di mercato o di una gara pubblica e sospenderanno l'efficacia dell'autorizzazione finché non sarà accertato che nessun altro soggetto, a condizioni migliori, sia interessato all'acquisto.

Ritengo inoltre che sia dovere di ASM Terni S.p.A. riservarsi il diritto di riscatto e di poter tornare proprietaria in futuro alle medesime condizioni. In tal senso interviene il primo degli emendamenti, che subordina l'autorizzazione alla cessione alla previsione espressa della riserva di riscatto.

Gli altri emendamenti mettono nero su bianco alcuni limiti alle modifiche dello Statuto della S.I.I. S.c.p.A., al fine di preservare gli equilibri fra enti pubblici e fra questi e soggetti privati. Infine deve essere fugato ogni timore che con questa operazione tutte le responsabilità andranno a cadere solo sui consiglieri comunali della maggioranza che voteranno la delibera. Benché il mio gruppo si opporrà e non voterà la delibera non lo ritengo giusto verso i colleghi di maggioranza e verso la città.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In tal senso quindi interviene un emendamento specifico, che va a correggere una parte della delibera con la quale si prevede espressamente che il sindaco è mero esecutore e anche quando interverrà in rappresentanza dell'ente non avrà poteri sostanziali ma solo formali. Un emendamento che corregge questa svista e attribuisce al sindaco ogni potere sostanziale che sia previsto dalla legge, cosicché possa intervenire anche successivamente al fine di tutelare personalmente l'assise e la città della piena correttezza di questa operazione che ha rivendicato con orgoglio"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: “Siamo a Terni e non in qualche paese lontano da noi”. La foto scattata all’ospedale fa il giro del web

  • Nuova ordinanza restrittiva: “Chiusura domenicale dei centri commerciali e attività di vendita. Limitazioni per cerimonie e stop allo sport”

  • Coronavirus, sospese le lezioni per un’altra scuola di Terni tranne per una classe: “Una mattinata particolare”

  • Risse per le strade di Terni e assembramenti in centro. Con il dpcm non cambia la musica

  • "Indossate la mascherina str..zi”: delirio e risate a Radio Deejay. Lo spot in ternano di Francesco Lancia in soccorso del Governo

  • Arriva il dpcm di Conte, ma è scontro con le regioni. La Tesei pensa a un'ordinanza restrittiva

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento