Chiesa di san Pietro a Terni, appello di Rossi al Comune: il chiostro resti pubblico

Una parte del convento è già dell’Ater che realizzerà appartamenti per giovani coppie. Il capogruppo di Terni civica: destinare gli altri spazi a finalità culturali

Il chiostro di San Pietro

“Il chiostro di San Pietro rimanga di proprietà comunale e destinato a finalità culturali”. Michele Rossi, capogruppo in consiglio comunale di Terni civica, sollecita l’amministrazione comunale cittadina affinché resti proprietaria di quegli spazi e, ancora di più, li destini a finalità culturali.

“Nella visione sul futuro della città, che a parer mio non può prescindere dalla promozione e la diffusione della cultura come possibile volano di sviluppo, alcune decisioni appaiono per nulla condivisibili. Nel concreto – scrive Rossi in una interrogazione rivolta alla giunta di Palazzo Spada - riguardo il convento di San Pietro, che la precedente amministrazione comunale per ragioni di bilancio decise di vendere all’Ater per la realizzazione di appartamenti di edilizia agevolata per giovani coppie, sono sinceramente  allarmato dalle notizie che porterebbero, a seguito di stringenti trattative tra il Comune e l’Ater, alla cessione a quest’ultima anche dei locali a piano terra che si affacciano sull’antico chiostro ad oggi di proprietà comunale dopo che l’Ater ha già perfezionato l’acquisto di tutto il primo piano del convento”.

Quella che sembra profilarsi all’orizzonte secondo Rossi è una operazione che “andrebbe a privare la città di un ulteriore spazio storico, di particolare bellezza che meriterebbe una destinazione diversa: si pensi a sale espositive o ad aule atte ad ospitare nuovi possibili corsi di laurea.  Ritengo importante sollecitare l’esecutivo a valutare attentamente questa possibilità e a mantenere la proprietà di questi locali o in ultima possibilità a vincolare la nuova proprietà ad un uso pubblico nei modi da me auspicati”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lutto a Terni, è scomparso Mauro Moretti noto ristoratore di una storica attività del territorio

  • Si tornerà in "zona arancione". Domani l'ordinanza che farà retrocedere l'Umbria

  • La storia | "I miei inquilini sono morosi da mesi. Sto pagando tutto io". Lo sfogo di una cittadina di Terni

  • Da San Gemini alla Siberia, la storia d’amore e l’annuncio di Lorenzo Barone: “Mi sposo con Aygul”

  • Terapie intensive, ricoveri ordinari e indice Rt: ecco perché l’Umbria rischia il “cartellino” arancione

  • Tragedia ad Arrone, muore una giovane mamma: “Siamo tutti sotto choc, increduli e scossi”

Torna su
TerniToday è in caricamento