Coronavirus, l’allarme degli asili nido: niente incassi in questo periodo, siamo a rischio

Amelia, le strutture private che si occupano dei servizi per la prima infanzia “chiamano” le Istituzioni: dobbiamo coprire i costi e salvaguardare i rapporti con le famiglie

Un asilo nido

Tra le tante facce dell’emergenza Coronavirus, c’è quella allarmata del personale che, ad Amelia, offre i servizi per la prima infanzia. Gli asili nido che, nella città dalle mura poligonali, sono tutti a gestione privata. E che si trovano a dover fronteggiare una situazione difficile, innescata dal decreto che prevede la chiusura delle scuole fino al prossimo 3 aprile.

“L’emergenza in corso dovuta al virus COVID-19 – scrivono in una nota comune le quattro strutture del territorio (l’asilo nido Un mondo di coccole, lo spazio gioco La coccinella, lo spazio gioco Latte e biscotti e l’asilo nido Girandola a colori) - ci spinge a mettere a conoscenza del territorio e in particolar modo del nostro comune di appartenenza la situazione che tutti i servizi educativi per la prima infanzia di Amelia – tutti privati - stanno attraversando, in seguito alle misure messe in atto per arginare questa grave emergenza”.

Il personale delle strutture è molto preoccupato per il protrarsi del periodo di inattività, che comporta mancati incassi dati dalle rette mensili ed i conseguenti ingenti danni economici che rischiano di mettere in ginocchio quelle realtà che, come noi, sopravvivono proprio grazie alle stesse rette versate dalle famiglie”.

Le rette si fermano, ma tutto il resto no. “Purtroppo le scadenze da rispettare sono molte: affitti, mutui, contributi, stipendi dei dipendenti e così via. L’equilibrio era già fragile in precedenza: ad oggi la situazione va aggravandosi. L’apprensione che accomuna tutti i nostri servizi è duplice: l’impossibilità di coprire i costi di gestione e, al contempo, la necessità di salvaguardare il rapporto con le famiglie, facendo scelte giuste per venire loro incontro in questo momento di grande difficoltà”.

Da qui l’appello alle Istituzioni. “Chiediamo che le nostre preoccupazioni vengano poste all’attenzione di tutta la giunta comunale di Amelia, pur consapevoli delle difficoltà che esistono, affinché vengano adottate misure concrete in nostro sostegno. Stiamo ultimando anche una lettera da presentare alla Regione Umbria, sottoscritta da tutti i servizi privati del territorio, per cercare insieme soluzioni adeguate a questa emergenza”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: “Siamo a Terni e non in qualche paese lontano da noi”. La foto scattata all’ospedale fa il giro del web

  • Nuova ordinanza restrittiva: “Chiusura domenicale dei centri commerciali e attività di vendita. Limitazioni per cerimonie e stop allo sport”

  • Coronavirus, prove tecniche di un nuovo lockdown. E a Terni tornano le file ai supermercati

  • Coronavirus, sospese le lezioni per un’altra scuola di Terni tranne per una classe: “Una mattinata particolare”

  • La protesta a Terni contro le restrizioni del DPCM. Il corteo da piazza Tacito a Palazzo Spada: "Libertà"

  • "Indossate la mascherina str..zi”: delirio e risate a Radio Deejay. Lo spot in ternano di Francesco Lancia in soccorso del Governo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento