rotate-mobile
Lunedì, 17 Giugno 2024
Attualità

Crisi demografica, anche gli stranieri in fuga dal Ternano: se ne vanno cinque a settimana

Persi oltre seimila residenti negli ultimi tre anni, poco meno di 800 vengono da fuori Italia. Terni “guadagna” solo 6 iscrizioni nel triennio, Narni e Montecastrilli i territori più “colpiti”

Della crisi demografica ormai sappiamo tutto. Tranne come cercare di invertire la rotta. Ed alla crisi demografica, il “gelo demografico” come lo ha definito il nuovo presidente del consiglio dei ministri, Giorgia Meloni, nel suo discorso alla camera dei deputati, non sfuggono neanche Terni e il Ternano. Degli oltre seimila residenti persi tra il 2019 ed il 2022, circa 800 sono stranieri. Che, con impatto e numeri diversi, hanno lasciato il territorio in cerca – probabilmente – di condizioni migliori.

Si parte dunque dalla situazione generale. Le statistiche Istat dicono che i residenti al primo gennaio 2022 in provincia di Terni sono 218.524 (104.848 uomini e 113.406 donne) di cui 107.314 a Terni (50.895 uomini e 56.419 donne). Nel 2019 i residenti erano 224.915 di cui 104.820 uomini e 117.095 donne. I residenti in città superavano quota 110mila (110.554) con 52.275 uomini e 58.279 donne.

C’è un buco di 6.391 persone dentro il quale vanno a finire le morti che sono superiori alla nascita e tutti quelli che cancellano la propria iscrizione all’anagrafe.

La tendenza tocca – ovviamente – anche la popolazione straniera residente. Sempre i numeri Istat: nel 2019, gli stranieri residenti in provincia di Terni erano 22.316: 9.771 maschi e 12.545 femmine. Di questi, 12.624 (5.396 uomini e 7.228 donne) erano registrati presso l'anagrafe di Terni. Secondo comune della provincia per presenza di stranieri (sempre al 2019) era Orvieto (1.927, 856 maschi e 1.071 femmine) seguito da Narni (1.496, 630 uomini e 866 donne) e Amelia (909, 439 maschi e 470 femmine). Il Comune con meno stranieri era Polino: 9 in tutto, 3 maschi e 6 donne.

Secondo le rilevazioni dell’Istituto nazionale di statistica, al primo gennaio 2022 in provincia di Terni gli stranieri residenti sono 21.556: 9.615 uomini e 11.941 donne. In città, la presenza si compone di 12.631 unità (+7, di cui 5 536 uomini e 7.095 donne) mentre ad Orvieto gli stranieri residenti sono 1.960 (+33, 846 uomini e 1.066 donne), a Narni 1.315 (-181, 566 uomini e 749 donne), ad Amelia 924 (+15, 441 uomini e 483 donne).

Si tratta di 762 residenti in meno nell'ultimo triennio, vale a dire cinque persone in meno - in media - ogni settimana. La “fuga” riguarda dunque in maniera più diretta altri territori che non quello di Terni, come Narni o Montecastrilli (circa un centinaio di residenti in meno nell'ultimo triennio. Ma non solo: Acquasparta (-91), Allerona -6, Alviano -3,, Arrone -60, Attigliano -22, Castel Giorgio perde quasi 30 residenti stranieri. Trend negativo anche per Fabro che passa da 354 a 288 residenti stranieri. Stroncone ad esempio “guadagna” 43 residenti (da 334 a 377) come Baschi (+5) o anche Polino, che supera le due cifre: 11 residenti, 6 uomini e 5 donne, tra i pochi casi assieme a Montecchio, Montefranco, San Venanzo e Stroncone in cui gli uomini residenti sono più delle donne. Equilibrio perfetto a Montegabbione (92 uomini e altrettante donne).

Ultima curiosità: sono soltanto due i centenari stranieri nel Ternano: un uomo e una donna e vivono entrambi in città. In generale, la popolazione straniera residente è “giovane”. E dunque, tra le cause della “fuga”, la morte non si piazza – probabilmente – ai primi posti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crisi demografica, anche gli stranieri in fuga dal Ternano: se ne vanno cinque a settimana

TerniToday è in caricamento