Endometriosi, una malattia sottovalutata: “Ne soffrono tre milioni di donne”. L’iniziativa a Terni

Sono circa tre milioni le donne colpite in Italia, moltissime di queste non ne sono neppure a conoscenza. Non c’è una vera e propria causa e neppure una vera e propria cura

foto di repertorio

Una campagna di sensibilizzazione volta a far conoscere una patologia che colpisce il 10-15% delle donne in Italia in età riproduttiva ed interessa circa il 30-50% delle donne infertili o che hanno difficoltà a concepire. Coloro con diagnosi conclamata sono almeno tre milioni. Il picco si verifica tra i 25 e i 35 anni, ma può comparire anche in fasce d'età più basse.

Si chiama endometriosi la malattia ginecologica caratterizzata dalla presenza di cellule endometriali, normalmente presenti nella cavità uterina, in altri organi. Principalmente: ovaie, tube, perineo, vagina, intestino, vescica e in casi più rari polmoni. I sintomi più frequenti sono dolori durante il ciclo mestruale, durante i rapporti, dolore pelvico, intestino irritabile, nausea, cefalea, mal di schiena stanchezza e infertilità. È una patologia caratterizzata da dolore cronico, della quale ancora non si conoscono le cause e non ha a oggi una reale cura.

Soffrirne comporta diverse problematiche di carattere sociale e psicologico. La donna è costretta ad assentarsi dal lavoro rischiando di perdere la propria occupazione, fatica nel rapporto di coppia, deve sopportare dei dolori anche assai lancinanti e prolungati. Generalmente i sintomi si aggravano durante il periodo mestruale. Alcune lamentano astenia e lieve ipertermia, che può accentuarsi in periodo mestruale e fenomeni depressivi. La malattia è divisibile in stadi, dal primo più lieve fino arrivare a un quarto stadio profondo e altamente invalidante. Ecco perché, in tal caso, diagnosticarla in modo preventivo risulta determinante e successivamente affidarsi a centri specializzati è altrettanto fondamentale.

Marzo mese dell’endometriosi

Una serie di iniziative organizzate per sensibilizzare e far conoscere ulteriormente tale patologia. Il prossimo 28 marzo, in occasione dell’Endo march a Roma, l’obelisco di Arnaldo Pomodoro si illuminerà di giallo, colore scelto per questa malattia. Il comune di Terni ha infatti aderito a tale iniziativa sposata anche da altri municipi limitrofi. Sensibilizzare per aiutare, aiutare per far conoscere una malattia diffusa e spesso, purtroppo, sottovalutata.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La protesta a Terni contro le restrizioni del Dpcm. Il corteo da piazza Tacito a Palazzo Spada: "Libertà"

  • Coronavirus, prove tecniche di un nuovo lockdown. E a Terni tornano le file ai supermercati

  • Nuova ordinanza restrittiva: “Chiusura domenicale dei centri commerciali e attività di vendita. Limitazioni per cerimonie e stop allo sport”

  • Coronavirus, sospese le lezioni per un’altra scuola di Terni tranne per una classe: “Una mattinata particolare”

  • Incidente su via Battisti. Un motociclista falciato e portato con urgenza al pronto soccorso

  • "Indossate la mascherina str..zi”: delirio e risate a Radio Deejay. Lo spot in ternano di Francesco Lancia in soccorso del Governo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento