menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ex Novelli, i sindacati tornano a lanciare l’allarme: “Nessun percorso che salvaguardi i lavoratori”

Dal 2011, anno del fallimento, “braccio di ferro senza fine, fatto di notevoli sacrifici dei lavoratori sia in termini economici che occupazionali”

I sindacati tornano a lanciare l'allarme sulla situazione della ex Novelli, per la quale, dopo quasi dieci anni, la soluzione sembra tutt'altro che vicina.
Fai, Cisl, Flai, Cgil, Uila, Uil e le Rsu, si trovano ancora una volta “a dover lanciare un grido di allarme per una vertenza logorante per i lavoratori della ex Gruppo Novelli, ex Alimentitaliani in fallimento, iniziata nel lontano 2011. Un braccio di ferro senza fine, fatto di notevoli sacrifici dei lavoratori sia in termini economici che occupazionali, affrontata nei tavoli Ministeriali e persa nei meandri dei tribunali”.

Auspicavamo – di legge in una nota - un possibile accordo tra le curatele di Terni e Castrovillari propedeutico al probabile dissequestro delle agricole in favore delle procedure. Tutto ciò al fine di arrivare ad un bando di vendita dell’intera filiera delle uova (dalla commercializzazione - alle fattorie). Questo non è avvenuto! Non siamo qui a dare colpe o trovare colpevoli, anche se auspichiamo vivamente che la giustizia faccia il suo corso identificando responsabili e responsabilità a tutti i livelli, ma i fatti ci vedono costretti ad esternare le nostre preoccupazioni perché a tutt’oggi non vediamo percorsi che mettano in salvaguardia i lavoratori tutti e la filiera stessa. 

Bando per il business delle uova, fuori le fattorie agricole

La curatela di Castrovillari effettuerà un Bando di affitto per un solo pezzo del Business delle uova (Pastorizzato, Marchio, Commercializzazione e Mangimificio), mentre le Fattorie Agricole rimarrebbero fuori in quanto sono sotto la custodia della Procura di Castrovillari. Inoltre si aggiungono ulteriori difficoltà per le attività produttive degli allevamenti, poiché vi sarebbe un pignoramento esecutivo di un primario Istituto di Credito su immobili delle Fattorie. Pretendiamo inoltre che, nella compilazione dei bandi, siano previste garanzie per i livelli occupazionali e salariali dei lavoratori, attraverso l’attenta verifica dei soggetti imprenditoriali interessati. Su questi temi serve maggiore trasparenza tra i soggetti interessati alla vertenza". 

I sindacati chiedono che in tutte le fasi dell’esercizio provvisorio ci siano "percorsi condivisi evitando decisioni unilaterali. Ribadiamo con forza e chiarezza la necessità di continuare, come in passato, il confronto in una sede tecnica istituzionale, per una concreta e definitiva risoluzione dei problemi. Persiste inoltre la necessità imminente di riprogrammare un tavolo con la Curatela di Alimentitaliani, per analizzare e prorogare la cassa in scadenza a Maggio 2020, alla luce anche della richiesta di proroga dell’esercizio provvisorio. Inoltre che i percorsi di riqualificazione del personale in Cassa Integrazione Straordinaria, coinvolto nel programma Umbria Attiva, inizino a dare le risposte che meritano ai lavoratori”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Muore la padrona e restano "orfani". Due gatti cercano famiglia a Terni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TerniToday è in caricamento