rotate-mobile
Giovedì, 11 Agosto 2022
Attualità

Svolta per la linea ferroviaria Terni-Sulmona: “Niente elettrificazione. Via libera per la sperimentazione ad idrogeno”

Annuncio congiunto da parte del presidente della Commissione Infrastrutture e Trasporti del Senato Mauro Coltorti, insieme ai parlamentari del Movimento Cinque Stelle Gabriella Di Girolamo, Giorgio Fede, Emma Pavanelli, Gabriele Lorenzoni e Patrizia Terzoni

Una vera e propria svolta per la tratta ferroviaria Terni-Sulmona. Ad annunciarla il presidente della Commissione Infrastrutture e Trasporti del Senato Mauro Coltorti, insieme ai parlamentari del Movimento Cinque Stelle Gabriella Di Girolamo, Giorgio Fede, Emma Pavanelli, Gabriele Lorenzoni e Patrizia Terzoni. “Entrerà infatti nella sperimentazione delle linee ferroviarie a idrogeno. Si tratta di un'importante innovazione che il Movimento 5 Stelle persegue da anni. Il Ministro Giovannini aveva già manifestato la sua approvazione e ieri, mercoledì 15 dicembre, in cabina di regia della Struttura Tecnica di Missione, è arrivato il via libera”.

Numerosi gli aspetti che vengono rimarcati: “Non si renderanno necessari gli interventi di sistemazione dei binari o delle gallerie che si sarebbero dovuti effettuare se si fosse scelta l'elettrificazione della linea, e anche per quanto riguarda i costi avremo un risparmio notevole”. Gli step seguenti: “Il provvedimento sarà inviato al Commissario Legnini, che soprintende agli interventi nelle aree terremotate, ed il quale dovrà emettere un'ordinanza. La tratta infatti attraversa ampie zone colpite dagli eventi sismici del 2016-2017 e del 2009. Si tratta della prima linea appenninica che verrà realizzata verosimilmente in pochi anni e costituisce il punto di partenza della progressiva innovazione tecnologica che interesserà tutta la rete nazionale, con la dismissione dell'uso dei carburanti fossili in favore di elettricità e idrogeno verde”.

Secondo i pentastellati: “E’ significativo che la prima tratta interessi il cuore verde della penisola tra Umbria, Lazio e Abruzzo, dove da tempo il Movimento 5 Stelle auspica che la ripresa delle attività economiche vada di pari passo con innovazioni tecnologiche che rendano “smart” la ricostruzione dei piccoli borghi e persino delle città anche attraverso la digitalizzazione dei sistemi di comunicazione e nell’uso dell’energia”. Sono 164 i km complessivi che riguardano tale linea ferroviaria, a binario unico, la quale collega i capoluoghi di Terni, Rieti e L’Aquila confluendo a Sulmona.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Svolta per la linea ferroviaria Terni-Sulmona: “Niente elettrificazione. Via libera per la sperimentazione ad idrogeno”

TerniToday è in caricamento