menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Il sindaco è preoccupato per i contagi ma consente eventi sportivi di massa". L'attacco dell'opposizione in consiglio comunale

I gruppi di opposizione avevano presentato una interrogazione urgente sullo svolgimento della Tirreno-Adriatico ma poi attaccano la giunta Latini: "Le immagini di sabato in una crisi pandemica come questa rischiano di presentarci presto il conto"

Arriva sui banchi del consiglio comunale la vicenda dei presunti assembramenti durante il passaggio in centro a Terni dalla Tirreno-Adriatico. A riportare il tema al centro dell'attenzione è una interrogazione urgente presentata da Pd, Movimento 5 Stelle e Senso Civico, chiedendo alla giunta quali fossero "le modalità di organizzazione dell'evento relativo al passaggio della Tirreno Adriatico in pieno centr le riunioni svolte, i protocolli adottati, le disposizioni date per controllare l'accesso di persone, il loro conteggio e la loro identificazione ai fini del contenimento della diffusione del contagio pandemico".

Inoltre "quali indicazioni sono state fornite alla polizia municipale per cadenzare e controllare gli accessi, cosa ha fatto e intende fare l'assessorato alle politiche giovanili e sportive per far fronte alla pesante crisi che vivono gli operatori del settore e il disagio che consegue alla limitazione delle attività educative, di socialità e sportive dei più giovani".

Dopo aver preso la parola, l'assessore allo sport, Elena Proietti, ha avuto alcuni problemi di connessione che non le hanno consentito di argomentare una risposta all'interrogazione. Una "mancata risposta" ritenuta inaccettabile per i gruppi di opposizione che sono partiti all'attacco: "Oggi il sindaco Latini - scrivono i consiglieri - ha espresso preoccupazione per la come sta evolvendo la curva del contagio a Terni e di come la presenza di varianti stia comportando l’aumento di casi anche tra i giovanissimi. Una preoccupazione che purtroppo stona con la gestione sconsiderata di eventi sportivi come quello di sabato scorso, cioè la gara ciclistica Tirreno-Adriatico. 

In un momento in cui le attività commerciali sono in difficoltà - proseguono i capigruppo di minoranza - le scuole vengono chiuse, ritenevamo doveroso che l’assessora allo sport Elena Proietti avesse riferito in aula, per spiegare come un evento del genere fosse potuto degenerare in un assembramento privo di controlli, una sorta di zona franca covid"

Quindi la stoccata alla Proietti: "Guarda caso proprio nel momento delle domande l’assessora ha avuto problemi di connessione e non ha inteso rispondere, salvo poi ricomparire subito dopo. Il silenzio di questa amministrazione non fa che confermare i nostri timori, cioè che la città manchi di guida e sia in balia degli eventi, così come testimoniato dai provvedimenti che tra Regione e Comune si sono rimpallati, contraddetti e spesso rimangiati.

Al netto della critica politica - concludono i consiglieri - le immagini di sabato in una crisi pandemica come questa rischiano di presentarci presto il conto, dispiace che a pagarlo saranno i cittadini visto che i responsabili, i nostri governanti anche questa volta hanno preferito nascondersi piuttosto che rispondere".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TerniToday è in caricamento