menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Inceneritore di Terni, Leonardo Latini e Benedetta Salvati:"Acea ritiri l'istanza"

Formalizzata la richiesta attraverso una nota congiunta:“Invochiamo un atto di responsabilità da parte di ACEA"

Il primo cittadino di Terni Leonardo Latini e l’assessore all’ambiente Benedetta Salvati intervengono sulla tematica relativa all’inceneritore. “Invochiamo un atto di responsabilità da parte di ACEA nel ritiro dell'istanza” scrivono all’interno di una nota a firma congiunta inviata alla Regione Umbria, all’Auri e al gestore dell’impianto di incenerimento di Maratta. Si fa riferimento all’istanza presentata da ACEA di implementazione dei rifiuti destinati allo smaltimento nell’inceneritore, provenienti dal trattamento meccanico dei rifiuti urbani. Le valutazioni che l’Amministrazione comunale sta facendo sull’istanza Acea e sulla situazione del ciclo dei rifiuti, scrivono il sindaco e l’assessore, sono molto serie e approfondite.

La nota di Leonardo Latini e Benedetta Salvati

"Abbiamo evidenziato che la programmazione dei flussi di rifiuti stabilita nel Piano Regionale dei rifiuti aggiornato al 2015, prevede uno scenario diverso dal recupero energetico tramite termovalorizzazione diretta in favore del recupero massimo di materia – osservano Latini e Salvati-  Nell’ottica dell’investimento su impianti che vadano in questa direzione, ASM Terni ha presentato ad AURI, che si sta occupando della redazione del piano d'ambito facendo valutazioni sui fabbisogni impiantistici di nuova realizzazione, il progetto di un impianto che possa soddisfare questo tipo di scelta. Un impianto che prevedrà trattamenti e valorizzazione dei rifiuti urbani a valle della raccolta differenziata, promuovendo così il potenziamento del segmento impiantistico relativo al pretrattamento, avvio effettivo al riciclaggio del materiale recuperato”.
“Nello scenario descritto la Regione sarà vincolata dalla sua programmazione nel concedere in autorizzazione rifiuti codice 19.12 provenienti dal circuito dei rifiuti urbani e quindi il gestore potrebbe ottenere esclusivamente un ulteriore codice di rifiuto speciale da incenerire proveniente chissà da dove. Per questo – come detto - invochiamo un atto di responsabilità da parte di ACEA nel ritiro dell'istanza. In una situazione ambientale difficile come quella di Terni - proseguono il sindaco Latini e l’assessore Salvati - questo tipo di impianti che continuano a lavorare e ad impattare sulla città al solo fine di creare profitto economico per i proprietari, non sono più ragionevolmente compatibili con il nostro territorio. Se nonostante la nostra richiesta il procedimento dovesse comunque continuare – concludono gli amministratori comunali - il comune di Terni ha già chiesto tutte le integrazioni di tipo tecnico necessarie e si esprimerà con i pareri di competenza in ambito di urbanistica, edilizia e acustica riservandosi se necessario di esercitare i poteri sanitari previsti dagli articoli 216-217 del RD 1934 in fase di istruttoria anche sulla base della Valutazione di impatto sanitario VIS di competenza della azienda USL"

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Muore la padrona e restano "orfani". Due gatti cercano famiglia a Terni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TerniToday è in caricamento