La centralina dell'Arpa a Miranda va ripristinata: Gentiletti fa un sopralluogo e chiama in causa il Comune

Il consigliere di Senso Civico accoglie l'appello dei residenti: "Ritengo incomprensibile quanto mi è stato riferito sulla centralina di rilevamento delle onde elettromagnetiche, che era stata apposta e che sarebbe stata rimossa da dicembre scorso"

Dopo la protesta di residenti di Miranda costretti a vivere con un'ulteriore potenziamento di un traliccio pronto a ospitare nuove antenne e ulteriori onde elettromagnetiche, con tanto di centralina Arpa smontata e portata via, ecco giungere il commento di Alessandro Gentiletti consigliere di Senso Civico: "L'amministrazione si occupi finalmente dei problemi di Miranda e ascolti la voce di chi vi abita" - dichiara Gentiletti, che riferisce di aver effettuato  un sopralluogo insieme a Felice Meschini  preisdente del comitato di Miranda e all'ingnere Giovanni Barbanera.


"Dopo aver letto la denuncia di un comitato di residenti mi sono recato  a Miranda. Come dice il nome, Miranda è un paese da ammirare: l'attuale amministrazione non può disinteressarsene."


"Ribadisco, anzitutto, che ritengo incomprensibile quanto mi è stato riferito sulla centralina di rilevamento delle onde elettromagnetiche, che era stata apposta e che sarebbe stata rimossa da dicembre scorso. Ritengo che la trasparenza sia essenziale e quando viene a mancare sia legittima la preoccupazione dei cittadini.  Ne chiedo immediatamente il ripristino e mi auguro che l'assessore all'ambiente si attivi a tal proposito. Chiedo che intervenga fermamente sulla questione e faccia tutti gli accertamenti occorrenti in tempi rapidi. Il sistema di monitoraggio che era stato pensato e ottenuto dopo una coraggiosa battaglia era una buona prassi: va ripristinato quanto prima."


Ma il problema della centralina non è l'unico che gli abitanti di Miranda hanno posto all'attenzione del consigliere: "Il sistema fognario merita un intervento immediato ed adeguato.  La chiesa di San Liberatore e l'area circostante vanno tutelate".

"Va accolta infine - conclude il consigliere Gentiletti - la richiesta avanzata da alcuni abitanti, di studiare e verificare l'incidenza ambientale ed estetica che potrebbero avere sul territorio la presenza di numerose antenne e ripetitori. Anche su questo va avviato un percorso virtuoso e condiviso.  L'amministrazione ascolti, impari  e si ponga al servizio di chi vive e presidia il nostro territorio e ne vuole difendere la bellezza e la salubrità. "

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: “Siamo a Terni e non in qualche paese lontano da noi”. La foto scattata all’ospedale fa il giro del web

  • Nuova ordinanza restrittiva: “Chiusura domenicale dei centri commerciali e attività di vendita. Limitazioni per cerimonie e stop allo sport”

  • Coronavirus, prove tecniche di un nuovo lockdown. E a Terni tornano le file ai supermercati

  • Coronavirus, sospese le lezioni per un’altra scuola di Terni tranne per una classe: “Una mattinata particolare”

  • "Indossate la mascherina str..zi”: delirio e risate a Radio Deejay. Lo spot in ternano di Francesco Lancia in soccorso del Governo

  • Raccordo Orte-Terni, si apre voragine sulla carreggiata: traffico in tilt ed intervento del personale Anas

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento