Attualità

LA FOTO | San Valentino, la citazione è alta ma la "elle" in più fa rabbrividire i fan di Dante

Il poster che campeggia sui viali della città in occasione della festa di San Valentino. Ma quel "ch'al nullo amato" non va giù agli amanti di Dante

Chi non ha mai almeno sentito declamare il verso del V canto dell'Inferno della Divina Commedia pronunciato dalla giovane Francesca nel descrivere a Dante lo struggente amore nei confronti di Paolo? Una citazione decisamente alta e sopraffina, seppure diventata molto popolare e di uso corrente nelle ricorrenze legate alla festa di San Valentino, tanto da rischiare l'irrilevanza dell'efficacia comunicativa. 

La "Molly&Partners", però, ha sorpreso tutti riproponendo la citazione del "Sommo Poeta" con un refuso inaspettato, così da non far passare inosservato il verso del canto. "Amor, ch' al nullo amato...". C'è da capire, allora, se quella elle in più (il verso corretto inzia con "Amor, ch'a nullo amato") che sta facendo rabbrividire i fan di Dante non sia, invece, una trovata di marketing. 

A ben leggere, non c'è  solo una "elle" in più ma anche un "del" in meno ("del costui piacer"). Insomma, un piccolo disastro.

Su Facebook, intanto, monta la polemica e in un gruppo ternano un utente rilancia: "Si può sapere chi ha creato questo abominio e chi lo ha autorizzato? Terni forte come l'amore? Terni ignorante come un ciuco! Dico io ma nemmeno copia incolla sanno fare? Che il fantasma del sommo poeta venga a prendervi a catenate sugli stinchi tutte le notti fino alla fine della vostra esistenza".

Ai "poster" l'ardua sentenza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

LA FOTO | San Valentino, la citazione è alta ma la "elle" in più fa rabbrividire i fan di Dante

TerniToday è in caricamento