Attualità

La protesta degli ambulanti dello Staino arriva al prefetto. Cardenia (sindacato Goia): "Ci siamo sentiti ascoltati e compresi"

Il portavoce del sindacato degli ambulanti he messo nelle mani del prefetto le carte che inchioderebbero l'amministrazione comunale alle proprie responsabilità: "Il passaggio con il prefetto evita il deposito dell'esposto in procura che pregiudicherebbe il lavoro dei colleghi"

"Finalmente ci siamo sentiti ascoltati". Questa la reazione a caldo del portavoce del sindacato ambulanti "Goia", Vincenzo Cardenia, dopo un colloquio durato circa 40 minuti con il prefetto di Terni Dario Emilio Sensi. Un incontro pacato e dai toni sobri, che ha evitato il passaggio successivo in procura con il deposito di un esposto che avrebbe, per legge, sospeso le attività del mercatino del mercoledì: "Abbiamo voluto evitare questa evenienza - spiega Cardenia - perché avremmo pregiudicato ancora di più la già precaria situazione dei miei colleghi. Ma questo è stato possibile - sottolinea il portavoce degli ambulanti - grazie alla sensibiltà e capacità di ascolto del prefetto Sensi, che ci ha ricevuto con grande puntualità e si è messo in ascolto delle nostre necessità".

Un esito positivo e propositivo, insomma, che apre a una posssibilità di interlocuzione con le istituzioni attraverso la sponda della prefettura: "Il prefetto credo abbia compreso molto bene l'irregolarità della situazione. Al di là del disagio personale, il comune sta violando delle norme". In particolare, Cardenia fa riferimento al decreto legislativo n. 114 del 31 marzo 1998 art. 27, comma 1, lettere b), c), d) ed e), e all'ordinanza del ministero della Salute del 3 aprile 2002 (pubblicata in Gazzetta Ufficiale n. 114 del 17 maggio 2002), per ciò che concerne i requisiti igienico-sanitari per il commercio dei prodotti alimentari sulle aree pubbliche. 

"Proprio la reiterata violazione di queste norme ci aveva indotto a presentare un esposto in procura ma l'interessamento del prefetto ha evitato questo passaggio drastico che è stato salutato dal dott. Sensi con gratitudine. La stessa che rivolgiamo noi nei suoi confronti, estesa anche al consigliere Paparelli che sta portando avanti questa nostra istanza in regione".

L'ultima nota polemica è "suonata" nei confronti di Latini: "Siamo dispiaciuti e amareggiati perché tutto ci aspettavamo tranne il dover forzare un procedimento amministrativo che attendiamo da tempo. Ma purtroppo ci siamo resi conti che non si può fare altrimenti quando un'amministrazione comunale è guidata da un sindaco che non c'è". 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La protesta degli ambulanti dello Staino arriva al prefetto. Cardenia (sindacato Goia): "Ci siamo sentiti ascoltati e compresi"

TerniToday è in caricamento