"Mai abbassare la guardia, seppure in un territorio che non presenta particolari criticità". Il nuovo prefetto si presenta alla città

Emilio Dario Sensi si è insediato al palazzo del Governo: "Confronto già avviato con tutte le istituzioni, le forze di polizia e l’autorità giudiziaria, Conto molto sulla collaborazione da parte dei sindaci della provincia"

Prima uscita pubblica del nuovo prefetto di Terni, Emilio Dario Sensi. Nel salutare la città, Sensi ha sotolineato il confronto già avviato con istituzioni, forse di polizia, mgistratura. "Questo territorio - ha detto - non presenta particolari criticità, ma mai abbassare la guardia specie sul campo della sicurezza pubblica. I problemi vanno risolti insieme per quetso è molto imporante lo scambio di vedute da parte di tutti i cittadini a cominciare da tutti i sindaci della provincia.". Problemi occupazioni non mancano, spiega, ma l'assenza di lavoro è un male che purtroppo esiste e Terni non è indenne. Ci sono vertenze sul fronte dell'occupazioni "ma -precisa - siamo pronti a fare la nostra parte".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si tornerà in "zona arancione". Domani l'ordinanza che farà retrocedere l'Umbria

  • Lutto a Terni, è scomparso Mauro Moretti noto ristoratore di una storica attività del territorio

  • Esce dall'auto e poco dopo si accascia a terra e muore. Un sabato pomeriggio drammatico a Ferentillo

  • Da San Gemini alla Siberia, la storia d’amore e l’annuncio di Lorenzo Barone: “Mi sposo con Aygul”

  • La profumeria ecobio e l’idea creativa di un’imprenditrice ternana: “Ispirata da una filosofia di vita”

  • Terapie intensive, ricoveri ordinari e indice Rt: ecco perché l’Umbria rischia il “cartellino” arancione

Torna su
TerniToday è in caricamento