Movida a Terni. La testimonianza: “Aumentati gli schiamazzi. Ora il caos si è trasformato in normalità durante il week end”

Focus sulle vie principali del centro cittadino: “Il problema si è spostato dalle discoteche al cuore della città ed appare in piena escalation”

foto di repertorio

Movida cittadina e comportamenti da tenere, gestione delle zone nevralgiche e conseguenze post emergenza sanitaria. Sono numerosi i temi emersi una volta allentate le misure anticontagio, soprattutto dal momento in cui è stato possibile tornare a vivere un pizzico di normalità. A Terni – il parere appare unanime – le criticità sono aumentate soprattutto perché, i più giovani, faticano a ritagliarsi degli spazi propri anche a causa della chiusura perdurante dei locali notturni: “Determinati atteggiamenti però – afferma un lettore e residente in via Volta – non possono essere giustificati da tale mancanza. Il problema si è spostato soprattutto durante il week end ed il caos trasformato in normalità”.

Appare evidente che soprattutto i residenti ne risentano, consapevoli comunque di dover convivere con il fragore causato dalla movida. Fin qui non ci sarebbe nulla di male. Sono gli eccessi a preoccupare: “Spesso vado a cena fuori – afferma - mi è capitato in zona Porta Sant’Angelo, via Giannelli, Passeggiata, San Francesco di assistere a risse tra ragazzini poco più che adolescenti ubriachi. Il tutto condito dal fatto che nessuno è provvisto di dispositivi di protezione individuale. In alcune aree non c’è alcun rispetto del divieto di assembramenti. Come se fossimo tornati in piena condizione di normalità. Un allarme condiviso anche con altre persone che conosco: c’è troppo rilassamento”.

Il pensiero va alle settimane precedenti dove si viveva in piena angoscia e paura: “Sussiste la più totale mancanza di rispetto delle normative del ministero della salute. Laddove ci sono assembramenti significativi è auspicabile usare i dispositivi di prevenzione. Ultimamente nel centro storico sono aumentati gli schiamazzi notturni. Erano episodi contenuti e sporadici. In fascia oraria profonda – piena notte – sono diventati quasi la normalità. Sembra che la situazione di caos vada a degenerare. Un sentore diffuso soprattutto per noi che ci abitiamo al centro”.

Dagli schiamazzi ad episodi che preoccupano: “Gli atti vandalici all’interno della passeggiata, ai cancelli dell’area giochi dei bambini alimentano questa situazione critica pienamente avvertita. Cito l’esempio magari degli anziani i quali si vorrebbero fare un giro la sera ed hanno qualche timore”. Una escalation che andrà monitorata anche nel week end in arrivo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a Terni il "primato" regionale per ricoveri anche in intensiva. I dettagli

  • Coronavirus e scuola, l’annuncio della presidente Tesei: gli studenti della prima media tornano in classe

  • Giovane donna dorme sotto la fermata dell’autobus, scatta la gara di solidarietà nel quartiere

  • Coronavirus, la regione Umbria rivede la zona ‘gialla’. A Terni crolla il dato degli attuali positivi: oltre centoventi guarigioni

  • Capodanno all'Ast, i nomi delle "star" che si esibiranno a viale Brin. Attesa per il dpcm e l' "incognita pubblico"

  • Sposta le transenne e finisce con l’auto nel cemento fresco, il sindaco: chieda scusa a tutti i cittadini

Torna su
TerniToday è in caricamento