rotate-mobile
Giovedì, 1 Dicembre 2022
Attualità

Neuropsichiatria infantile, Forza Italia in pressing: “Situazione allarmante”

I consiglieri comunali azzurri chiedono maggiore autonomia per il centro Adhd: “Terni deve fare di più”

Per neuropsichiatria infantile Terni deve fare di più. Così il gruppo consiliare di Forza Italia in una nota. “Con l’attenzione costante alle istanze e alle difficoltà dei nostri concittadini, che da sempre ci contraddistingue, riteniamo doveroso segnalare l’allarmante situazione in cui versa il Centro di Riferimento Regionale per la sindrome Adhd (disturbo da deficit di attenzione iperattività, ndr), che ha sede al servizio di Neuropsichiatria infantile e dell’adolescenza della Usl Umbria 2 di Terni”.

“Purtroppo - continuano i consiglieri di Forza Italia - fin dal 2018 la struttura ha subìto numerosi e frequenti avvicendamenti dei neuropsichiatri infantili e degli psicologi, che hanno causato notevoli disagi alle famiglie e ai giovani pazienti, a causa delle mancate riassegnazioni delle prese in carico o a riassegnazioni lente e senza passaggio delle consegne tra gli specialisti, alla sospensione di molti dei servizi essenziali e delle terapie riabilitative, alle difficoltà nel rinnovo dei piani terapeutici per la somministrazione dei farmaci, ove necessaria, alla difficoltà di accedere o avere aggiornamenti della diagnosi, nonché alla difficoltà di organizzare gli incontri con le scuole per l’elaborazione del Pei, il Programma Educativo Individualizzato. Senza contare l’enorme disagio per i ragazzi e per le loro famiglie causato dal dover ricominciare ogni volta un nuovo percorso e instaurare un nuovo rapporto di fiducia: situazione quest’ultima destabilizzante e che quasi sempre compromette ulteriormente la possibilità di arrivare ad un equilibrio psico-fisico essenziale, da raggiungere proprio in considerazione delle caratteristiche cliniche della patologia in questione”.

“Ad aggravare ulteriormente la situazione, caratterizzata negli ultimi tre anni da una costante carenza degli psicologi cognitivo-comportamentali a suo tempo individuati e mai sostituiti, concorre il mancato rimpiazzo, dallo scorso giugno, del neuropsichiatra uscente. Per questi motivi - concludono i consiglieri di Forza Italia - abbiamo presentato un atto di indirizzo nel quale chiediamo al sindaco e alla giunta di verificare, e rendere note, le motivazioni che hanno portato alla situazione attuale; di avviare un'interlocuzione con l’assessorato regionale alla Sanità la Regione e con la Usl 2 che porti a migliorare l’operatività e la funzionalità del reparto di neuropsichiatria infantile; di lavorare affinché il Centro di riferimento Adhd con sede a Terni possa avere una sua autonomia nell’ambito degli indirizzi generali e gestionali, così da poter agire al meglio per la tutela dei ragazzi con sindrome Adhd e delle loro famiglie. Chiediamo inoltre di aprire un tavolo per una previsione generale per la neuropsichiatria infantile nel territorio ternano, che è carente anche per altre problematiche come ritardi cognitivi, l’epilessia, l’autismo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Neuropsichiatria infantile, Forza Italia in pressing: “Situazione allarmante”

TerniToday è in caricamento