Scontro sul contratto dei dipendenti comunali

Sindacati al 'muro contro muro', la Cgil: "La possibile sospensione del pagamento delle indennità accessorie conseguente alla mancata firma del contratto obbligherà sicuramente tutti noi ad una ulteriore ed auspicabile riflessione ed assunzione di responsabilità"

Ancora polemiche dopo l'assemblea generale dei dipendenti comunali. Dopo la Uil Fpl è la Fp Cgil a prendere posizione.

Ecco la nota integrale:

"Qualcuno ha definito scontato l’esito dell’assemblea odierna. La parola chiave è “strumentale“. Crediamo che la partecipazione ed il confronto siano sempre auspicabili.
Non si può: utilizzare l’assemblea dei lavoratori per votare gli uni contro altri
Non si può: chiedere con ruggiti dal palco le dimissioni di alcuni componenti, CGIL e USB eletti nella R.S.U. Questi lavoratori hanno l’unico torto di aver partecipato con grande senso di responsabilità a tutti gli incontri dell’organismo e per giunta hanno anche osato esprimere il proprio parere , non con le stesse modalità da ruggito, ma semplicemente facendo una votazione regolare e pacifica nella quale la R.S.U. del Comune di Terni decideva di sottoscrivere l’ipotesi stralcio del salario accessorio al fine di mettere in pagamento alcune voci salariali contrattualmente previste.
Paradossale ci sembra dare fiducia a chi strategicamente non partecipa agli incontri RSU, non partecipa ai tavoli di trattativa non vota per non assumersi le responsabilità e punta il dito contro chi invece ci mette la faccia, siglando ipotesi di accordi che possono sicuramente essere ridiscusse ma nelle sedi dei tavoli negoziali dove nessuno degli urlatori oggi presenti in assemblea ha avanzato alcuna proposta.
Senza nessuna pretesa di “ arrogarsi la rappresentanza del Corpo dei Vigili Urbani …” la proposta licenziata dalla commissione della Polizia Locale (partecipata da tutte le sigle sindacali ) nata dalla necessità di applicare il contratto può sicuramente essere non condivisa , ma azzerare addirittura una spettanza contrattuale ci sembra eccessivo .
Firmare i contratti è un atto di responsabilità verso i lavoratori, non condividerne il contenuto è un atto di democrazia, ciò che , però, non può essere consentito è dare cifre e notizie false , produttività, R.I.A. e partecipazione all’assemblea odierna ne sono un ulteriore esempio .
La possibile sospensione del pagamento delle indennità accessorie conseguente alla mancata firma del contratto obbligherà sicuramente tutti noi ad una ulteriore ed auspicabile riflessione ed assunzione di responsabilità .
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si tornerà in "zona arancione". Domani l'ordinanza che farà retrocedere l'Umbria

  • Lutto a Terni, è scomparso Mauro Moretti noto ristoratore di una storica attività del territorio

  • Esce dall'auto e poco dopo si accascia a terra e muore. Un sabato pomeriggio drammatico a Ferentillo

  • Da San Gemini alla Siberia, la storia d’amore e l’annuncio di Lorenzo Barone: “Mi sposo con Aygul”

  • Terapie intensive, ricoveri ordinari e indice Rt: ecco perché l’Umbria rischia il “cartellino” arancione

  • La profumeria ecobio e l’idea creativa di un’imprenditrice ternana: “Ispirata da una filosofia di vita”

Torna su
TerniToday è in caricamento