rotate-mobile
Domenica, 1 Ottobre 2023
Attualità

Ternana, incompatibilità e vendita del club: la ‘palla’ passa al Consiglio comunale. L’intervento: “Interdetti a fronte degli ultimi accadimenti”

L’auspicio del Centro coordinamento: “Ci aspettiamo che segreteria comunale e sindaco trovino, in tempi brevi e nel rispetto delle leggi vigenti, la soluzione migliore”

Una questione divenuta di pubblico dominio, ormai argomento centrale delle ultime ore. La Ternana è in vendita, come dichiarato dal neosindaco Stefano Bandecchi, a seguito degli ultimi accadimenti successivi alla proclamazione. Ci sarebbe, condizionale d’obbligo, una possibile incompatibilità nel rivestire il ruolo di primo cittadino e contestualmente proprietario del club di via della Bardesca.

Cerchiamo di ricostruire i passaggi da qui, ai prossimi giorni. L’articolo 63 del Decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267 Testo unico delle leggi sull’ordinamento degli enti locali indica le casistiche di eventuali incompatibilità. Nel caso specifico tutti gli eletti, una volta formalizzata la proclamazione, devono inviare alla segreteria comunale una autodichiarazione all’interno della quale attestano che non sussistono motivi di ineleggibilità e incompatibilità. La segreteria, mediante controlli incrociati, la esamina e successivamente redige una relazione, in previsione della prima seduta del Consiglio comunale, conformandosi alle normative vigenti. 

Entro il 20 giugno si dovrà svolgere la prima seduta del Consiglio comunale. Ed in questo consesso che verranno esaminati gli eventuali casi di incompatibilità e ineleggibilità, a seguito della relazione prodotta della segreteria. Poiché il neosindaco ha dichiarato che: “Sono stato informato dal segretario comunale” è deducibile che sia già stato comunicato ciò. Pertanto, onde evitare di attivare la procedura di incompatibilità di carica, è necessario provvedere alla vendita del club rossoverde, a meno di eventuali ed ulteriori scenari che potrebbero manifestarsi. 

Il Centro coordinamento club ha emesso una nota, afferente al tema: “Da tifosi e da rappresentanti di una parte considerevole di essi siamo profondamente interdetti a fronte degli ultimi accadimenti che stanno emergendo.

Non avendo alcuno strumento per esprimere opinioni e giudizi in tema di diritto amministrativo e di norme del Tuel (Testo Unico Enti Locali) confidiamo e ci aspettiamo che Segreteria comunale e Sindaco (ed imprenditore di tal livello) trovino, in tempi brevi e nel rispetto delle leggi vigenti, la soluzione migliore nei complessivi e superiori interessi della Città e della squadra”.

Il sindaco Bandecchi, intervenuto a La7 nel corso della mattinata ha affermato: “Ho già comunicato alla Federcalcio che dobbiamo andare a giocare a Gubbio o a Perugia o a Roma. Comunque sto vendendo la Ternana così almeno ci mettiamo a posto con lo stadio e con questo problema".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ternana, incompatibilità e vendita del club: la ‘palla’ passa al Consiglio comunale. L’intervento: “Interdetti a fronte degli ultimi accadimenti”

TerniToday è in caricamento