Treofan, Leonardo Latini scrive al Governo: “Comportamento irrispettoso di Jindal verso lavoratori ed istituzioni”

Il sindaco, intervenuto nel corso dell’assemblea, si è confrontato con i dipendenti del polo chimico: “Controllare la legittimità delle azioni poste in essere dalla multinazionale”

foto sindaco Latini

L’assemblea dei lavoratori, il confronto ed il successivo corteo fino al blocco temporaneo del traffico in via Narni. Il primo cittadino di Terni Leonardo Latini ha inviato una lettera al Governo, indirizzata anche al Mise, ponendo l’accento sulla situazione della Treofan che: “Si sta aggravando sempre di più”. Il primo cittadino sottolinea che: “Il comportamento posto in essere in queste settimane dalla proprietà appare inaffidabile e inadeguato in riferimento agli obiettivi primari che sono stati ribaditi dai lavoratori, dai loro rappresentanti e dalle istituzioni: ovvero la continuità e il rafforzamento del sito produttivo ternano nell’ambito di un piano industriale serio e concreto”.

“La proprietà – continua Latini - sta ponendo in essere un comportamento irrispettoso in primo luogo verso i lavoratori che ne pagano le conseguenze dirette, ma anche nei confronti delle istituzioni che da sempre hanno seguito questa vicenda e si sono sedute ai tavoli con la proprietà stessa o con i suoi delegati, fornendo ampie disponibilità di collaborazione, non ultima quella dell’assessore regionale Fioroni. Non è possibile - afferma il sindaco - che multinazionali come Jindal possano avvantaggiarsi in alcune fasi delle professionalità e delle potenzialità di siti industriali italiani, giovandosi anche di sostegni economici nazionali o regionali, per poi pensare di scaricare i territori, reputando di non avere obblighi verso le comunità locali di riferimento".

La richiesta al Governo

"Per questo, come sindaco di Terni, avendo seguito la vicenda della Treofan dal 2018, chiedo al Governo, tramite il Mise, verificato il disinteresse di Jindal per il sito ternano, di controllare la legittimità delle azioni poste in essere dalla multinazionale e di guidare un processo di vendita verso un acquirente in grado di porre in essere una seria politica industriale per il sito ternano. Allo stesso tempo ribadisco la strategicità di Treofan nell’ambito delle politiche industriali di medio e lungo periodo per la nostra regione, per un possibile e auspicabile rilancio del polo chimico ternano, anche in un’ottica di economia verde".  

“Ricordo - conclude - che il territorio ternano, fortemente connotato dalla presenza di industrie, è in uno stato di crisi molto pesante, aggravato dagli effetti dell’attuale pandemia, e non può permettersi di soggiacere a giochi economico-finanziari sulla pelle dei lavoratori e a discapito delle possibilità di sviluppo della città stessa”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Uno store internazionale di abbigliamento apre in centro a Terni. Al via le selezioni: “Entro la fine del 2020 l’inaugurazione”

  • Coronavirus, ecco il farmaco più efficace contro ansia, depressione e panico da pandemia

  • Giovane donna dorme sotto la fermata dell’autobus, scatta la gara di solidarietà nel quartiere

  • Coronavirus, nove decessi e 344 guarigioni. A Terni superata la soglia dei 1600 attuali positivi

  • Coronavirus e scuola, l’annuncio della presidente Tesei: gli studenti della prima media tornano in classe

  • Sposta le transenne e finisce con l’auto nel cemento fresco, il sindaco: chieda scusa a tutti i cittadini

Torna su
TerniToday è in caricamento