rotate-mobile
Martedì, 27 Febbraio 2024
Attualità

“Un gruppo di ragazzi ha lasciato il locale senza pagare”. L’appello diventa virale: “Hanno saldato il conto scusandosi”

L’episodio risale allo scorso 30 gennaio ed è stato descritto sui social, allegando anche lo scontrino relativo al conto da saldare

Una brutta storia con un lieto fine. A raccontare ciò ha accaduto ci sono due post comparsi, in giorni distinti, sulla pagina social del ristorante Duomila. Il primo descrive ciò che è accaduto, nel corso della serata di lunedì 30 gennaio. L’altro invece annuncia il passo indietro compiuto da tre ragazzi, i quali si erano recati all’interno dell’attività per mangiare.

Il primo post piuttosto esplicativo: “Ci dispiace farlo ma ci sembrava necessario. Questa sera (lunedì 30 Gennaio verso le 21:30 ndr) un gruppo di tre ragazzi ha lasciato il locale senza pagare, dicendo che andavano a fumare”. Una necessaria precisazione: “Siamo stanchi di questo comportamento. Non abbiamo mai preso posizione in merito e pertanto sempre lasciato andare. Tuttavia questa volta ci vogliamo tutelare e per tale motivo chiediamo ai ragazzi di tornare al locale e di pagare. Se non dovesse accedere dovremo prendere provvedimenti legali ed avviare la procedura di denuncia. Ci fidiamo dei nostri clienti ma non sopportiamo questo comportamento scorretto”.

Il post è diventato così virale che ha avuto decine di condivisioni e potrebbe aver raggiunto anche i diretti interessati. Così è arrivato l’aggiornamento, nel corso della serata di ieri – martedì 31 gennaio. “Dopo i fatti che sono accaduti ieri sera (lunedì 30 gennaio ndr) i ragazzi si sono fatti risentire e hanno saldato il conto scusandosi. Ringraziamo i ragazzi che sono tornati sui loro passi. Bravi. E ringraziamo tutti i nostri clienti e tutte le persone che hanno fatto girare il nostro post”. Una storia brutta a lieto fine.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Un gruppo di ragazzi ha lasciato il locale senza pagare”. L’appello diventa virale: “Hanno saldato il conto scusandosi”

TerniToday è in caricamento