rotate-mobile
Lunedì, 26 Febbraio 2024
Attualità

Accordo di programma e piano industriale in Ast: “C’è una preoccupante fase di stallo”

Le organizzazioni sindacali chiedono un incontro con Donatella Tesei e Stefano Bandecchi. Il Pd: “Consiglio comunale aperto”

Accordo di programma e piano industriale in Ast, tornano a parlare le organizzazioni sindacali e il Partito Democratico. “Nella giornata di mercoledì le segreterie territoriali di Fim-Fiom-Uilm-Fismic-Ugl hanno condiviso un percorso unitario per interrompere una preoccupante fase di stallo in relazione all’accordo di programma e al piano industriale di Acciai Speciali Terni. È finito il tempo degli annunci e della propaganda, ormai si è perso il conto delle possibili date utili per la sottoscrizione dell’accordo di programma propedeutico alla discussione sul dettaglio del piano industriale”. 

“Abbiamo sempre espresso come organizzazioni sindacali - continua la nota - la necessità di un patto di territorio capace di coinvolgere i lavoratori e le proprie rappresentanze per allargare le prospettive e governare le ricadute positive dell’investimento sia sull’azienda sia sull’intero territorio, per rafforzare la propria vocazione industriale. Nel ritenere tale necessità ancora attuale e fattibile, auspichiamo, tuttavia, che questa volta la data della firma sia davvero vicina nel tempo. Ci risulta che l’accordo è attenzionato dalla Commissione Europea con due fondamentali nodi che, ad oggi, non sono stati sciolti, ovvero l’energia e le infrastrutture. Il Mimit nella riunione con le organizzazioni sindacali del 26 maggio 2023 aveva indicato i primi giorni di luglio come periodo utile per un aggiornamento e verifica dell’accordo di programma, quella convocazione non è mai arrivata e ancora restiamo in attesa. Per tutti questi motivi chiediamo un incontro urgente alla presidente della Regione Umbria, Donatella Tesei, al sindaco di Terni, Stefano Bandecchi oltre che alle associazioni datoriali. Inoltre, è stato chiesto un confronto ai parlamentari italiani eletti in Umbria e ai parlamentari Europei, eletti nella circoscrizione centro, rispettivamente per il 19 e 20 ottobre 2023”. 

Sull’argomento, parole sono arrivate anche dal Pd e dal suo capogruppo in consiglio comunale Francesco Filipponi: “Condividendo le  preoccupazioni di parte sindacale e accogliendo l' appello, serio e urgente, affinché la politica faccia la propria parte, per l'accordo di programma su Ast, così come anticipato dalla segreteria comunale del Pd, il gruppo consiliare Pd, anche insieme ad altri consiglieri comunali, i quali intendessero partecipare, chiederà un consiglio comunale aperto, con l’obiettivo di consentire a tutte le forze sociali, alla cittadinanza e ai lavoratori coinvolti di prendere parte ad una discussione non più rinviabile. La sede del consiglio comunale sarà il luogo più idoneo per ascoltare tutti gli attori coinvolti”.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Accordo di programma e piano industriale in Ast: “C’è una preoccupante fase di stallo”

TerniToday è in caricamento