Treofan, stretta finale dei sindacati. Il confronto con la direzione aziendale e il documento inviato al ministero

I sindacati premono il piede sull'acceleratore e formulano proposte per la riorganizzazione del sito di Terni, gli investimenti e la questione occupazionale. Treofan temporeggia, ma il ministero fa pressioni.

La vicenda Treofan si sta incamminando verso la stretta finale. Proprio in questi giorni le sigle sindacali (Filctem Cgil, Femca Cisl e Uiltec Uil) hanno inviato una proposta all'azienda nella quale chiedono una definizione chiara sulla certezza degli investimenti, la continuità produttiva, il mantenimento degli ordinativi e i clienti, l'implementazione dell'organico e gli investimenti sulla ricerca nella bioplastica e i nuovi prodotti. 

Un braccio di ferro fra sindacati, ministero dello Sviluppo Economico e amministratore delegato della Treofan per giungere ad un accordo che possa offrire rassicurazioni ai lavoratori. Un confronto aspro che si è concluso con un sostanziale temporeggiamento della direzione della Treofan per un aggiornamento interno con il management aziendale. Intanto, le richieste dei lavoratori sono state messe nero su bianco e inviate al ministero affinché possano essere attuate le proposte organizzative, produttive, occupazionali e gli investimenti richiesti al fine di chiudere la vicenda e lo sciopero in atto da due settimane. 

"Come sigle sindacali e in rappresentanza dei lavoratori - si legge in una nota -  ci aspettiamo risposte concrete dall'azienda in alternativa alle dichiarazioni di vendita dei giorni scorsi, peraltro ribadite sul tavolo ministeriale, che allontanino definitivamente per i prossimi tre anni aloni di chiusure e ridimensionamenti, che hanno caratterizzato le scelte del management aziendale di questi ultimi mesi. Il ministero dello Sviluppo Economico riprendendo le argomentazioni dei sindacati, ha ammonito l'azienda dal continuare a sostenere che le difficoltà dello stabilimento nascono con gli effetti negativi dello sciopero messo in atto dai lavoratori, in quanto iniziative di spostamento delle produzioni e clienti sono iniziate molto prima delle iniziative di lotta e che anzi è stata la risposta agli atteggiamenti aziendali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Insomma, i sindacati premono sull'acceleratore sollecitando risposte urgenti affinché non si accentui la situazione di difficoltà presente all’interno dell’unità produttiva e risolvere il prima possibile la vertenza in atto. Ne va della continuità e la sicurezza produttiva, quindi il futuro, del sito di Terni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lugnano, un'edicola acquistata da un mese già rischia di chiudere: "Mi avevano detto che era tutto a posto"

  • Ferite al volto e alla testa e una spalla fratturata: anziano aggredito in centro a Terni mentre va a votare

  • Rissa in pieno centro a Terni tra lo stupore dei passanti, giovane trasportato all’ospedale

  • Flavio e Gianluca, la “lezione” non è servita. E il metadone di Terni continua a fare “vittime”

  • Coraggio e senso di appartenenza, due giovani aprono una nuova attività. Primissima volta a Terni: “Grande orgoglio”

  • Sesso e droga con due minorenni. Nei guai un trentenne ternano

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento