rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Attualità

Vaccini, l'aggiornamento del piano vaccinale. La novità delle somministrazioni in farmacia ma anche lo studio delle reazioni avverse

71 per cento della popolazione vaccinabile ha già aderito al programma. L'Umbria è al IV posto tra le regioni italiane con il 51 per cento dei cittadini vaccinati. Ecco tutti i dati aggiornati

In Umbria alla campagna di vaccinazione ha aderito il 71 per cento della popolazione vaccinabile, mentre la regione è al IV posto tra le regioni italiane con il 51 per cento dei cittadini vaccinati: il dato è stato reso noto dall’assessore alla Salute della Regione Umbria, Luca Coletto, nel corso della conferenza stampa settimanale di aggiornamento epidemiologico e sull’andamento della campagna vaccinale. Presenti il direttore regionale alla Salute, Massimo Braganti, il commissario covid, Massimo D’Angelo, i medici del Nucleo epidemiologico, Carla Bietta e Marco Cristofori.

Prosegue spedita la campagna vaccinale

Nel corso dell’incontro l’assessore ha informato che la campagna di vaccinazione in Umbria sta rispettando il programma definito: con prima dose ai cinquantenni entro la metà di giugno e la vaccinazione entro la fine del mese dei quarantenni. Nel frattempo sono state avviate le vaccinazioni sui luoghi di lavoro: al momento sono partiti la Thyssen di Terni e Cucinelli nel Perugino che, da lunedì prossimo e per due settimane, intensificherà le vaccinazioni con l’apertura serale dalle 20 alle 24.

Vaccinazioni in farmacia

Per quanto riguarda le vaccinazioni in farmacia è stato spiegato che sono già partite e saranno impegnate nella vaccinazione degli over 60. Inoltre, da lunedì i medici di medicina generale avvieranno le vaccinazioni con Moderna. Relativamente all’intervento vaccinale in Valnerina, il commissario D’Angelo ha reso noto che è stata vaccinata già la popolazione vaccinabile residente in 6 comuni.

Reazioni avverse ai vaccini

Il commissario ha anche reso noti i dati relativi alle sospette reazioni avverse ai vaccini: dal primo gennaio al 15 Giugno 2021, in Umbria, risultano inserite nella Rete Nazionale di Farmacovigilanza (RNF) 1.485 casi di sospette reazioni avverse (ADR) ai vaccini anti Covid-19 su un totale di 628.605 dosi somministrate. La percentuale di segnalazioni sul totale delle dosi somministrate è pari allo 0,24%. Il tasso di segnalazione per 100.000 dosi in Umbria, pari a 236/100.000 dosi, è sostanzialmente in linea con il dato medio nazionale che è di 204 segnalazioni per 100.000 abitanti.

Nel 79% dei casi la reazione avversa ha interessato il sesso femminile, con un rapporto Femmine/Maschi pari a circa 3:1. Nel 93% dei casi (1383/1485) di segnalazione si è trattato di una reazione avversa giudicata “non grave”.

Relativamente al tipo di reazione avversa, sono state segnalate essenzialmente quelle già note per questi vaccini. Tra le principali: reazioni locali o sistemiche (febbre, brividi, dolore in sede di iniezione, stanchezza, malessere) in circa il 32% dei casi; reazioni interessanti il sistema muscoloscheletrico (mialgia, artralgia) circa il 19% dei casi; disturbi interessamento il sistema nervoso (cefalea, parestesie) circa il 18% dei casi; disturbi del tratto gastrointestinale (nausea, diarrea) nel 7% dei casi, disturbi della cute e del sottocute (eruzione cutanea, orticaria) nel 4% dei casi. Nella maggior parte dei casi il segnalatore della Reazione Avversa è stato il medico (46%), seguito dal cittadino (28%), dal farmacista (15%) e da altro operatore sanitario (11%).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vaccini, l'aggiornamento del piano vaccinale. La novità delle somministrazioni in farmacia ma anche lo studio delle reazioni avverse

TerniToday è in caricamento