rotate-mobile
Giovedì, 29 Settembre 2022
Attualità

Santa Maria Maddalena “strade di responsabilità dei privati. Disservizi e problematiche: il Comune se ne faccia carico”

Atto di indirizzo della consigliera del Gruppo misto Doriana Musacchi con focus su via dei Pressio Colonnese e degli Arroni

“Una risposta esaustiva da fornire ai cittadini per trovare una soluzione adeguata, concernente le vie dei Pressio Colonnese e degli Arroni”. La consigliera del Gruppo misto Doriana Musacchi ha presentato un atto di indirizzo segnalando che “che dopo vent’anni dalla realizzazione dei primi fabbricati le strade sono di responsabilità dei privati e non gestite dal Comune”.

Secondo Musacchi “se si fa domanda per un passo carraio non viene rilasciato, in quanto trattasi di arteria privata, di fatto bloccando numerosi posti macchina privati dove i cittadini pagano le tasse, non potendo usufruire del servizio. Qualora si verificasse qualsiasi incidente o problematica per effettuare delle manutenzioni, i cittadini proprietari degli immobili adiacenti alle strade menzionate, ne risponderebbero personalmente sotto il profilo civile e penale”.

Ed ancora “le società costruttrici per legge devono consegnare le opere collaudate e verificate dal Comune. Qualora ci fossero dei difetti o fallimenti delle ditte costruttrici, il Comune potrebbe riscuotere le polizze fideiussorie. Con i proventi derivanti dalle assicurazioni realizzare le opere mancanti, in modo tale da non caricare di responsabilità i cittadini che hanno acquistato. La risoluzione dei problemi esaminati – sottolinea la consigliera – permetterebbe la presa in carico da parte del Servizio Idrico Integrato per le questioni concernenti gli attuali disservizi dei contatori d’acqua e delle fogne”. Pertanto Musacchi chiede al sindaco ed alla giunta “di attivarsi nel più breve tempo possibile per trovare una soluzione alla problematica che si protrae da tempo”.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Santa Maria Maddalena “strade di responsabilità dei privati. Disservizi e problematiche: il Comune se ne faccia carico”

TerniToday è in caricamento