rotate-mobile
Domenica, 21 Aprile 2024
Cronaca

Terni, ancora tensione in carcere: “Il detenuto che aveva ferito tre agenti prosegue con ulteriori minacce”

La denuncia di Fp Cgil Polizia Penitenziaria: “Chiediamo interventi immediati a cominciare dall’urgente trasferimento del detenuto”

Un nuovo caso di violenza nella casa circondariale di Terni. A segnalare l’accaduto Claine Montecchiani, dirigente sindacale della Fp Cgil Polizia Penitenziaria: “Dopo il grave episodio di violenza del 21 febbraio scorso, lo stesso detenuto nordafricano che aveva ferito tre agenti penitenziari, in questi giorni ha continuato in condotte oppositive minacciando pesantemente altri operatori. Il detenuto oltretutto, non è ancora stato interessato da alcun provvedimento disciplinare né è stato trasferito in altra sede come da direttive dipartimentali che disciplinano i provvedimenti da prendere in caso di aggressioni al personale di polizia penitenziaria”.

La richiesta: “Un’amministrazione immobile che adotta una strategia di minimizzare gli eventi critici che non paga. Chiediamo quindi interventi immediati a cominciare dall’urgente trasferimento del detenuto". La segretaria generale della Fp Cgil Valentina Porfidi: "A distanza di pochi giorni siamo costretti a tornare sull'argomento in difesa dei lavoratori della casa circondariale che sono costretti a subire una situazione determinata dall'inerzia di una amministrazione che non riesce a porre argine alla vicenda senza ricorrere agli strumenti che la vigente normativa mette a disposizione. Auspichiamo un immediato trasferimento del detenuto violento per ristabilire la sicurezza applicando le disposizioni previste. Invitiamo, inoltre, i vertici dipartimentali ad aprire una fase di riflessione sulla gestione del carcere Ternano con riferimento alle figure apicali della struttura”.

Infine Mirko Manna, della Fp Cgil nazionale: “Continuiamo a denunciare problematiche già sollevate che evidenziano la necessità di un intervento approfondito da parte del DAP. L'istituto di Terni è nell'occhio del ciclone da troppo tempo e riteniamo non più rinviabile un intervento finalizzato a ristabilire l’ordine e la sicurezza in un Istituto penitenziario peraltro molto particolare”.

La Fp Cgil di Terni, insieme alla struttura nazionale: “Sollecita un incontro urgente con le autorità competenti, per discutere le questioni sollevate, definire un piano d'azione e valutare la conduzione del penitenziario che sembra più preoccupato di inaugurare progetti rieducativi di dubbia utilità senza considerare la ricaduta reale dell’inerzia sulla gestione disciplinare della popolazione detenuta. Pretendiamo semplicemente che vengano applicate le disposizioni previste in questi casi e propagandate dai Sottosegretari sui social network senza che ne verificano poi l’esatta applicazione da parte del DAP.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terni, ancora tensione in carcere: “Il detenuto che aveva ferito tre agenti prosegue con ulteriori minacce”

TerniToday è in caricamento