Morte Falcioni, nuove indagini sull’incidente: rinviata la camera ardente

La famiglia aveva annunciato l’appuntamento per oggi a Santa Maria Regina a Terni, poi la decisione del pubblico ministero di Viterbo di effettuare ulteriori accertamenti

Rinviata la camera ardente per il Maestro Francesco Falcioni. Inizialmente prevista per questo pomeriggio a partire dalle 16.30 presso l’oratorio della chiesa di Santa Maria Regina a Terni, è stata spostata a “data da destinarsi” perché il pubblico ministero titolare del fascicolo sull’incidente stradale in seguito al quale il musicista ternano è morto venerdì scorso, ha deciso di fare ulteriori indagini.

L’avviso della famiglia del pianista arriva poche ore dopo il precedente annuncio che anticipava la volontà di creare un momento di condivisione con tutti gli amici di Francesco e la scelta di celebrare i funerali in forma privata.

“Le celebrazioni previste questa sera a Terni in memoria del Maestro Francesco Falcioni – è scritto in un nuovo post facebook - sono purtroppo rimandate a data da destinarsi. Il pubblico ministero di Viterbo ha deciso di fare ulteriori indagini in merito all'incidente che lo ha coinvolto trattenendo quindi la salma. Vi chiediamo di collaborare nel diffondere tutto questo, creando un passaparola, in modo che tutti possano essere messi al corrente della situazione”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si tornerà in "zona arancione". Domani l'ordinanza che farà retrocedere l'Umbria

  • Lutto a Terni, è scomparso Mauro Moretti noto ristoratore di una storica attività del territorio

  • Esce dall'auto e poco dopo si accascia a terra e muore. Un sabato pomeriggio drammatico a Ferentillo

  • Da San Gemini alla Siberia, la storia d’amore e l’annuncio di Lorenzo Barone: “Mi sposo con Aygul”

  • La profumeria ecobio e l’idea creativa di un’imprenditrice ternana: “Ispirata da una filosofia di vita”

  • Terapie intensive, ricoveri ordinari e indice Rt: ecco perché l’Umbria rischia il “cartellino” arancione

Torna su
TerniToday è in caricamento