Coronavirus, De Luca sulla chiusura delle discoteche: “Decisione del Governo per incapacità delle regioni. In Umbria raddoppio dei contagi in una settimana”

Il consigliere del Movimento cinque stelle: “Salvini ed i suoi sodali parlamentari leghisti e loro adepti, gettano in pasto alla folla notizie false senza uno straccio di dato comparato”

foto di repertorio

Una vera e propria bagarre, di connotazione prettamente politica, si è accesa a seguito dell’ordinanza firmata dal Ministro della salute Roberto Speranza. Sono due le novità sostanziali previste che riguardano la chiusura delle discoteche e l’utilizzo delle mascherine dalle 18 alle 6 – anche all’aperto – dove non è possibile mantenere il distanziamento sociale. Il consigliere regionale Thomas De Luca interviene sull’argomento, ormai dominante, ponendo l’accento su determinate tematiche.

“La crescita costante dei contagi e l'aumento dei ricoveri in terapia intensiva, anche di persone di giovane età, ha costretto al Governo a commissariare di fatto le regioni ritirando la deroga al Dpcm che consentiva ai governatori di aprire le discoteche. Le regioni, come richiesto a gran voce, non sono state trattate tutte allo stesso modo, ma hanno avuto facoltà di aprire e chiudere le discoteche in base ai dati a loro disposizione a condizione di monitorare costantemente. Dopo aver preso atto di una situazione fuori controllo – osserva Thomas De Luca - il Governo è stato costretto a sopperire alla mancanza di azioni da parte delle regioni. E se è vero che la maggior parte si sono dimostrate d'accordo, come Emilia Romagna e Veneto che avevano già preso misure restrittive, altre hanno chiesto di procrastinare la chiusura almeno di una settimana”

Casi positivi e polemiche con la Lega

“Da un mese i casi positivi sono in aumento. In Umbria – prosegue De Luca - i contagi sono raddoppiati nel giro di una settimana. Franco Locatelli - Presidente del Consiglio Superiore della Sanità - ci dice che: “A seconda delle regioni, il 25-40% dei nuovi casi Covid-19 sono stati importati da concittadini tornati da viaggi o da stranieri residenti in Italia". Casi dovuti al rientro dalle vacanze in zone a rischio. Dati che dimostrano l'incapacità delle regioni di far rispettare le regole. Ma il professor Locatelli dice anche un'altra cosa importante. E cioè che rispetto ai contagi: “l contributo dei migranti è minimale, non oltre il 3-5% sono positivi e una parte si infettano nei centri di accoglienza dove è più difficile mantenere le misure sanitarie adeguate".

“Mentre il Governo è costretto a commissariare le regioni incapaci di intervenire anche rispetto all'apertura e alla chiusura delle discoteche, c'è chi continua senza timore a fare propaganda creando un conflitto sociale e generazionale. Tra i giovani "privati" dei loro spazi di divertimento e gli anziani che temono di essere contagiati. Ma il conflitto è naturalmente anche tra italiani e immigrati. Il virus – polemizza il consigliere - non compare alle ore 18 come si chiede qualche eletto della Lega. Dalle 18 viene semplicemente imposto l'obbligo di indossare la mascherina anche negli spazi pubblici e nei luoghi aperti, dove non è possibile mantenere il distanziamento. Nel resto della giornata sono sempre in vigore le regole sull'utilizzo dei presidi sanitari e sul distanziamento sociale. Regole che a partire dal loro capo politico hanno sempre faticato a rispettare. Purtroppo siamo arrivati a fare campagna elettorale sulla pelle dei giovani e di chi li circonda. I giovani non sono invincibili e soprattutto quando tornano a casa entrano in contatto con parenti e vicini più anziani”

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Infine Thomas De Luca aggiunge che: “Salvini ed i suoi sodali, parlamentari leghisti e loro adepti, gettano in pasto alla folla notizie false senza uno straccio di dato comparato. L'importante è creare rabbia sociale tra milioni di cittadini che si riuniscono nei locali e nelle piazze in determinate fasce orarie, rispetto agli immigrati che arrivano. Un atteggiamento indegno che rappresenta una minaccia per la tenuta democratica della nazione. Il fine non giustifica i mezzi, non è mai troppo tardi per diventare responsabili”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ferite al volto e alla testa e una spalla fratturata: anziano aggredito in centro a Terni mentre va a votare

  • Nasce il primo ristorante fantasma in città. L’idea di un giovane ternano: “Voglio contribuire al rilancio del nostro territorio”

  • Incidente sul raccordo, mezzo pesante si ribalta e viene tamponato: autotrasportatore in rianimazione

  • Turismo, Terni fa il pieno e incassa l’oscar di Volagratis: è la prima tra le dieci mete emergenti del 2020

  • Mercatino di Natale a Terni. Cambia la location dopo le polemiche dello scorso anno: “Via libera a 60 mila euro per gli eventi"

  • Referendum, un plebiscito per il “sì”: i risultati definitivi comune per comune

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento