Notizie dall'Umbria

Falso influencer vende capi d’abbigliamento tramite i social, poi prende i soldi e sparisce

Perugia, l’imputato era accusato di truffa, ma la vittima non ha rinnovato la querela e il giudice ha chiuso il procedimento

Il falso influencer vendeva oggetti e capi di abbigliamento sui social, ma dopo aver incassato i soldi spariva.

Un pugliese di 46 anni, difeso dall’avvocato Simone Costanzi, è finito davanti al giudice del tribunale penale di Perugia con l’accusa di truffa “per avere indotto in errore, con artifizi e raggiri la vittima ponendo in vendita sul social network Instagram oggetti e capi di abbigliamento vari, chiedendo e ottenendo un primo pagamento parziale di 102 euro dei beni mediante ricarica della propria carta postepay”, ma poi “omettendo la consegna del bene e rendendosi irreperibile, non rispondendo più alle telefonate ovvero ai messaggi”. Condotte ritenute truffaldine perché “si procurava un ingiusto profitto con altrui pari danno”. I fatti sarebbero stati commessi a Perugia il 10 dicembre del 2019.

L’imputato è stato individuato, dietro denuncia della vittima, attraverso il profilo su Instagram e in quanto titolare della carta ricaricabile sulla quale era stato effettuato il versamento.

La vittima, però, non si è mai presentata in aula a rinnovare la querela, come prevede la riforma Cartabia, e il giudice ha definito il procedimento con la formula del non doversi procedere per tacita accettazione della remissione di querela.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Falso influencer vende capi d’abbigliamento tramite i social, poi prende i soldi e sparisce
TerniToday è in caricamento