rotate-mobile
Sabato, 15 Giugno 2024
Notizie dall'Umbria

Errore in sala operatoria, paziente perde un testicolo: medico condannato a risarcire

Il professionista ha chiesto il rito abbreviato e ristorato l'Asl Umbria 1 delle spese sostenute per ripagare l'utente danneggiato

Errore medico durante l’intervento chirurgico, medico risarcisce l’Asl Umbria 1 in misura ridotta e il caso si chiude.

La procura della Corte dei conti ha citato in giudizio due medici dell’ospedale di Città di Castello “per sentirli condannare, a titolo di responsabilità parziaria gravemente colposa, ad un risarcimento pari nel complesso ad oltre 24mila euro in favore dell’Azienda sanitaria Umbria 1, oltre ad accessori e spese, ripartiti a carico di ciascuno dei due convenuti “nella misura paritaria di 12.065,19 euro, oltre accessori e spese” per un “danno indiretto” che “è stato prospettato come derivante da errore medico e risarcito al paziente leso (...) dall’azienda ospedaliera in via transattiva”.

Il danno contestato “sarebbe scaturito dalla errata esecuzione di intervento chirurgico di varicocele e conseguente perdita funzionale del testicolo sinistro” eseguito dal medico “quale primo operatore”.

Il dirigente medico “ha proposto, nella memoria di costituzione, formale istanza di definizione della controversia mediante rito abbreviato (…) offrendo il pagamento di 5mila euro, importo superiore al quaranta per cento della quota della pretesa risarcitoria posta a suo carico e ammontante a 12.065 euro”.

Visto il parere favorevole del procuratore, i giudici contabili hanno accertato l’avvenuto pagamento e chiuso il caso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Errore in sala operatoria, paziente perde un testicolo: medico condannato a risarcire

TerniToday è in caricamento