Un fiore per volersi bene, donati 200 bulbi floreali ai bambini della De Amicis- De Filis

Evento ispirato dalla nota canzone di Sergio Endrigo con un significato molto particolare, ogni bambino pianterà a casa il suo bulbo e vedrà crescere il fiore

Presso la scuola primaria "De Amicis" - Istituto comprensivo "De Filis" si è svolta la prima giornata del progetto “Ci vuole un fiore”, sostenuto dal Comune di Terni attraverso i patti di collaborazione promossi dall’assessorato alle politiche sociali del comune di Terni. L'iniziativa nasce dal gruppo informale “Amici del Tributo Endrigo”, cittadini sostenitori della annuale manifestazione canora di settembre in omaggio al cantautore, con il coinvolgimento dell' ordine dei dottori agronomi e forestali di Terni nelle persone di Leonardo Bianco, Loredana Oreti, Gabriele Mocio e Walter Mattioli e la direzione e le insegnanti della scuola primaria "De Amicis" con l'obiettivo comune di far comprendere ai nostri giovanissimi concittadini quanto sia importante la quotidiana tutela dell'ambiente. Del resto fu proprio grazie alla canzone “Ci vuole un fiore” di Sergio Endrigo, il cui testo gli fu consegnato da Gianni Rodari nel 1974, che da allora migliaia di bambini sono stati introdotti al tema.

Oggi oltre quarant'anni dopo, i giovani cantano ancora queste parole, facendo memoria di quello che la natura ci dona e che troppo spesso l'uomo non sa apprezzare abbastanza. La canzone è l'inno ecologista per eccellenza della musica italiana, un semplice e potente promemoria dell'importanza di tutelare la natura ed il pianeta. Ed è proprio l'originale spirito di questa intramontabile canzone che hanno vissuto i bambini coinvolti nel progetto.

Guidati dagli appassionati dottori agronomi e forestali, che hanno entusiasticamente sposato l'iniziativa, sono stato guidati per una intera mattinata al fine di comprendere l'importanza di un sereno rapporto dell'uomo con l'ambiente e per la salvaguardia della natura. I bambini partecipanti hanno avuto l'opportunità di relazionarsi in modo costruttivo con la natura circostante in un clima di grande attenzione e curiosità. A fine lezione a ricordo dell'attività svolta, ogni studente ha ricevuto in omaggio un bulbo floreale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ogni bambino, una volta a casa pianterà quel prezioso regalo con i propri familiari in uno spazio privato o in un vaso - alcune classi hanno deciso di tenere in classe il vaso con il bulbo per poi una volta fiorito regalarlo in occasione della festa della mamma. Il fatto che ogni bambino lo vedrà crescere, se ne prenderà cura, osservando il miracolo della natura, gli permetterà di ricordare quanto imparato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: “Siamo a Terni e non in qualche paese lontano da noi”. La foto scattata all’ospedale fa il giro del web

  • Risse per le strade di Terni e assembramenti in centro. Con il dpcm non cambia la musica

  • Arriva il dpcm di Conte, ma è scontro con le regioni. La Tesei pensa a un'ordinanza restrittiva

  • Addio a Maria Chiara. Mons. Piemontese: "Non esiste un'app "Immuni" per la droga. La felicità è altrove"

  • Ospedale di Terni, ulteriore stretta sugli accessi: i provvedimenti attuati per limitare la diffusione del Coronavirus

  • Raccordo Orte-Terni, si apre voragine sulla carreggiata: traffico in tilt ed intervento del personale Anas

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento