rotate-mobile
Mercoledì, 18 Maggio 2022
Narni Calvi dell'Umbria

La “caena medievalia” e poi i "signorini": secoli di tradizioni per far rivivere la storia di San Pancrazio

Tutto pronto a Calvi dell’Umbria per i festeggiamenti in onore del santo patrono. SI comincia il 30 aprile, eventi in programma fino a domenica 14 maggio

Una “Caena medievalia” per dare inizio al count-down in vista dei festeggiamenti in onore del patrono San Pancrazio. La cena è in programma alla Taverna del Monastero di Calvi dell’Umbria, sabato 30 aprile alle 20.30.

Il comitato festeggiamenti, che fa capo alla pro loco, è al lavoro da molte settimane per allestire la tradizionale festa che avrà inizio mercoledì 11 maggio ed andrà avanti fino a domenica 14 maggio. Si tratta di una manifestazione vecchia di secoli, che ruota intorno alla figura del giovane martire cristiano San Pancrazio, trucidato all’età di 14 anni sulla via Aurelia, sotto l’impero di Diocleziano. L’appuntamento della cena è diventato una tradizione che vede partecipare non solo i calvesi ma tante persone dei centri vicini. Un menù tipicamente medioevale caratterizzerà il convivio, il tutto in attesa che la festa abbia inizio.

Da questo punto di vista è tutto pronto: i musici stanno provando da molte settimane i loro ritmi, come pure sono pronti ad uscire dagli armadi i quattro “Stendardi”, grossi gonfaloni, due bianchi e due rossi, a significare la purezza del martire patrono ed il sangue versato, sui quali campeggia l’immagine di San Pancrazio a cavallo. Gli stendardi verranno affidati ai “gonfalonieri”, figure di spicco nell’ambito della festa, che vede tuttavia nei “Signorini” i veri protagonisti. Si tratta di quattro bambini (due con il costume da antico romano rosso e due bianco) che per tutta la durata dei festeggiamenti rappresenteranno, con i rispettivi gonfalonieri, le quattro contrade del paese. Le rievocazioni prenderanno il via nel tardo pomeriggio di mercoledì 11 maggio con i riti consueti che da molti secoli caratterizzano questa festa alla quale i calvesi, anche quelli che vivono lontano, sono molto legati.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La “caena medievalia” e poi i "signorini": secoli di tradizioni per far rivivere la storia di San Pancrazio

TerniToday è in caricamento