Bagarre sul caso del tubo rotto alla discarica di Valle

L'assessore all'Ambiente Salvati replica al M5S: "Nessun occultamento, nessun rischio ambientale col percolato". Ma il pentastellato De Luca non è soddisfatto e chiede l'intervento del sindaco

Bagarre sul caso della discarica di Valle e sulla notizia circolata in merito alla rottura di un tubo da dove sarebbe fuoriuscito pericoloso percolato. L’assessorato comunale all’ambiente, in riferimento all’interrogazione del Movimento 5 Stelle che sull’affioramento del percolato dell’ex discarica RSU di Vocabolo Valle (discarica Ast) sostiene che il Comune possa aver occutato la vicenda, rende noto che nei tempi previsti dalla legge ( 24 ore dall’accertamento) è stata data comunicazione a tutti gli Enti competenti di tale fuoriuscita di cui si era avuta consapevolezza attraverso le operazioni di controllo effettuate quotidianamente dagli addetti del Comune di Terni. L'assessorato precisa che in data 29 marzo 2019 si è proceduto ai sensi dell’Art. 242 del Decreto Legislativo 152/2006 a dare comunicazione a Provincia, Regione, Arpa, Asl, Prefettura e Ministero dell’Ambiente della fuoriuscita rinvenuta in data 28 marzo 2019; i soggetti istituzionali si sono attivati con i controlli da loro ritenuti più significativi per l’accertamento della potenziale contaminazione.
Sono state quindi poste in atto tutte le misure di messa in sicurezza di emergenza finalizzate ad impedire che il percolato che fuoriusciva dalla tubazione di ingresso alla vasca, potesse arrivare ad inquinare le matrici ambientali attraverso la realizzazione di un pozzo drenante di raccolta del liquido affiorante in cui è stata poi posizionata una pompa di rilancio alla vasca di raccolta del percolato. E’ stata anche realizzata una video ispezione all’interno della tubatura con il supporto della Acciaieria di Terni, attraverso la quale si è intravista la possibilità di danneggiamenti nella tubazione stessa.  Si è scelto quindi di procedere con l’esecuzione di uno scavo per l’ispezione diretta della tubazione che ha mostrato un danneggiamento del tubo che si è deciso di sostituire. E’ in programma la sostituzione del tubo non appena le condizioni metereologiche consentiranno di lavorare in sicurezza.
Rispetto al quesito sull'appalto per la manutenzione dell'impianto di sollevamento si precisa che quotidianamente i tecnici del Comune effettuano sopraluoghi di verifica della funzionalità dell’impianto stesso che risulta essere costituito da due pompe, una di riserva all’altra. Pertanto, ancorché non sia stato concluso l’iter di affidamento dell’appalto, l’impianto è perfettamente funzionante e monitorato.
“Nessun occultamento – dichiara l’assessore all’ambiente Benedetta Salvati – anzi, la questione dell’ex discarica RSU del Comune di Terni, realizzata in un periodo in cui non esisteva una normativa di settore, è una delle nostre priorità rispetto alle politiche ambientali della città e pertanto siamo in attesa degli esiti del modello idrogeologico richiesto dal Ministero sulla base del quale, congiuntamente a tutti i portatori di interesse, prenderemo le opportune decisioni per attuare le idonee misure di messa in sicurezza dell’area”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ma gli esponenti del M5s non sono convinti: "L'assessore Salvati  - dice Thomas De Luca -adotta la strategia dello struzzo: nasconde la testa sotto la sabbia e pensa che nessuno si accorga di ciò che è successo.

In piena continuità con il passato, i cittadini devono rimanere all'oscuro e venire a conoscenza della fuoriuscita di percolato dalla discarica del comune addirittura dal Ministero. La dimostrazione che nulla è cambiato.

Quali indagini, analisi, caratterizzazioni sono state fatte per affermare che non c'è stata alcuna contaminazione delle falde e delle altre matrici ambientali? Se non esiste possibilità di contaminazione perché fare segnalazione? Perché a distanza di sei mesi da quanto tempestivamente denunciato dal M5S ancora il servizio di manutenzione dell'impianto non è stato attivato?

Pretendiamo chiarezza e vogliamo immediatamente delle risposte non solo dall'assessore ma anche dal sindaco Latini".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: “Siamo a Terni e non in qualche paese lontano da noi”. La foto scattata all’ospedale fa il giro del web

  • Nuova ordinanza restrittiva: “Chiusura domenicale dei centri commerciali e attività di vendita. Limitazioni per cerimonie e stop allo sport”

  • Coronavirus, prove tecniche di un nuovo lockdown. E a Terni tornano le file ai supermercati

  • Coronavirus, sospese le lezioni per un’altra scuola di Terni tranne per una classe: “Una mattinata particolare”

  • "Indossate la mascherina str..zi”: delirio e risate a Radio Deejay. Lo spot in ternano di Francesco Lancia in soccorso del Governo

  • Raccordo Orte-Terni, si apre voragine sulla carreggiata: traffico in tilt ed intervento del personale Anas

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento