rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Attualità

Traffico e ambiente, qualità dell’aria in miglioramento: si torna al blocco uno, ecco chi può circolare

Il Comune aggiorna il piano di intervento: niente più secondo livello, da giovedì stop euro 0 e 1. Sconto sui biglietti dei bus

Torna il blocco di livello uno del traffico viste le migliori condizioni climatiche. Nuove disposizioni da parte del Comune di Terni dopo quelle intraprese e annunciate lunedì. Si torna in sostanza al blocco 1: da giovedì stop solo Euro 0 e 1, con in più lo sconto di 50 centesimi dei biglietti sul bus. 

“Grazie alle nuove previsioni a tre giorni sulla qualità dell’aria pubblicate da Arpa Umbria e alle previsioni meteo si potrà tornare al livello di blocco 1. Sarà cioè vietata la circolazione dalle 8.30 alle 18.30 solo ai veicoli Euro 0 – Euro 1 privati (M1 o M2) o commerciali (N) alimentati a benzina o diesel”. “Come avevamo anticipato l’altro ieri e come avevamo previsto in sede di stesura dell’ordinanza – dice l’assessore all’ambiente Benedetta Salvati in una nota – l’applicazione delle limitazioni al traffico è e resterà flessibile, basandosi sui dati e sulle previsioni relative all’inquinamento dell’aria che ci vengono comunicati. Allo stesso tempo siamo impegnati a fornire alternative per gli spostamenti in città e per renderli meno inquinanti anche attraverso il trasporto pubblico locale”. 

Dopo un accordo con il gestore, per tutto il periodo di Natale, dal primo dicembre al 15 gennaio il costo del biglietto per i bus sarà ridotto a 50 centesimi, con uno sconto pari a 80 centesimi. La scontistica è stata possibile grazie a una quota dei fondi derivanti Accordo di programma per l’adozione coordinata e congiunta di misure per il risanamento della qualità dell’aria nella Conca ternana e consentirà il finanziamento dello sconto su 90.250 biglietti. I biglietti con lo sconto dal primo dicembre dovranno essere acquistati tramite l’ppp Salgo.

“Questo sconto - conclude l'assessore all'ambiente Benedetta Salvati -  insieme a quello che abbiamo sostenuto sul costo degli abbonamenti annui dovrebbe contribuire a rilanciare l’uso del trasporto pubblico e, insieme alle altre misure di mobilità sostenibile che stiamo incentivando, dovrà aiutare Terni a superare i suoi problemi di inquinamento ambientale, che hanno causato l’avvio di procedure d’infrazione da parte della Commissione Europea”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Traffico e ambiente, qualità dell’aria in miglioramento: si torna al blocco uno, ecco chi può circolare

TerniToday è in caricamento