menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, a Terni si affaccia la variante spagnola. Preoccupazione dei medici: "Monitoraggio costante"

Su 21 tamponi esaminati dall'Iss provenienti dal "Santa Maria", 14 hanno rilevato la presenza della variante inglese, 4 di quella brasiliana e 3 di quella spagnola.

La rapidità con la quale si sta riattivando la curva epidemiologica e Terni e provincia ha trovato una spiegazione che ha a che fare con la circolazione delle varianti. Non solo quelle note, ma anche una terza: la spagnola. Nei 21 tamponi positivi effettuati al Santa Maria di Terni e inviate all'Iss per il sequenziamento, infatti, i risultati hanno dimostrato che in 14 test è stata rilevata la presenza della variante inglese, in 4 quella brasiliana e in 3 quella spagnola. 

Un'ulteriore tegola sulla sanità ternana e umbra che potrebbe portare a conseguenze importanti con un potenziale aumento massiccio di ricoveri e terapie intensive e sub intensive. 

"Era quasi scontato che ci fosse la prevalenza di varianti sul terriotorio", spiega il presidente dell'ordine provinciale dei medici, Giuseppe Donzelli, a Il Messaggero. Tuttavia, la consapevolezza lascia il posto al turbamento: "Sapere che 21 tamponi effettuati, tutti e 21 confermano la presenza di varianti è preoccupante". Per il presidente dell'ordine medici è necessario un monitoraggio costante dei tamponi. Quelli sequenziati dall'Iss, infatti, si riferiscono a circa un mese fa e vista la potenziale diffusione a tappeto delle varianti si rende necessario un ulteriore sforzo nel tracciamento. 

Quindi, la richiesta di ulteriori restrizioni in questa fase particolarmente delicata: "Sicuramente questa situazione porterà a nuove misure di contenimento - prosegue Donzelli nelle sue dichiarazioni a Il Messaggero -. Andrà chiesto un parere al comitato tecnico scientifico perché le varianti viaggiano più veloci del piano vaccinale". Insomma, lo spettro di un lockdown generale continua ad essere, seppure non nominato, una soluzione ponte determinante in attesa della vaccinazione di massa che, però, stenta a partire anche nella nostra regione. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TerniToday è in caricamento