Coronavirus, i provvedimenti adottati a Terni e provincia per evitarne la diffusione. Arriva l'ordinanza

Il presidente della regione Umbria Donatella Tesei: "La vita di questa regione deve proseguire. Attenti e pronti per sopperire a tutte le eventuali criticità"

foto di repertorio

Il presidente della regione Umbria Donatella Tesei, nel corso di una conferenza stampa tenutasi a Palazzo Donini, ha spiegato i dettagli dell’Ordinanza relativa ai provvedimenti per il contrasto alla diffusione del coronavirus. Tali misure riguardano tutta la regione dell’Umbria e naturalmente anche la provincia e la città di Terni

Voglio subito tranquillizzare la nostra regione - ha osservato Tesei - Allo stato attuale non abbiamo segnalazioni di contagio, abbiamo monitorato e stiamo monitorando tutte le situazioni, mettendo in campo gli strumenti necessari. L’ordinanza è il frutto del coordinamento con il Governo. Un segnale importante per il nostro paese. La nostra regione non ha casi, come altre, ma è pronta a mettere in atto le azioni di prevenzione per pubblico, privati e strutture sanitarie. Siamo attenti e pronti per sopperire ad eventuali criticità”

"Stiamo lavorando insieme al prefetto ed ai sindaci per individuare strutture per l’eventuale quarantena. Le scuole così come le università rimarranno aperte per ogni ordine e grado. La vita di queste regione deve continuare - afferma Tesei - seppur con tutte le cautele. Verranno rese note ed affisse tutte le misure di prevenzione, adottate dal Ministero della salute, negli uffici e strutture pubbliche. I famigliari degli studenti minorenni e gli studenti di maggiore età devono segnalare ai servizi di igiene sanità pubblica eventuali situazioni di rischio; ad esempio provenienza di zona a rischio o contatti sospetti.

Le strutture di ricovero ospedaliero, le strutture residenziali e semiresidenziali devono mettere in atto misure per limitare il numero dei visitatori che accedono dall’esterno per assistere i ricoverati. Nelle pubbliche amministrazioni, uffici, locali pubblici devono essere messe a disposizione degli utenti soluzioni e disinfettanti per il lavaggio delle mani. Le aziende di trasporto pubblico devono adottare misure straordinarie di pulizia di mezzi attraverso dei disinfettanti".

“Ho voluto seguire personalmente questa vicenda. Sono abituata ad assumere le mie responsabilità e credo che certe cose debbano essere seguite dal presidente. Non è mancato l’auto di tutti, ciascuno per le proprie competenze” 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazzi morti, c’è un sospetto: ternano in carcere. Il cocktail micidiale di sciroppo e psicofarmaci

  • Flavio e Gianluca, adesso la parola passa alla scienza: quattro ore di autopsia per spiegare la tragedia

  • Cronaca di Terni, tragica scomparsa di due adolescenti. Le reazioni: “Sgomento e dolore. Giornata di lutto cittadino”

  • Flavio e Gianluca, basta lacrime ipocrite: non serve il lutto cittadino, bisogna vietare l’ingresso agli spacciatori

  • Morte dei due ragazzi a Terni: le sostanze che probabilmente hanno causato il decesso di Flavio e Gianluca

  • Morte di Flavio e Gianluca, parlano i genitori

Torna su
TerniToday è in caricamento