Inaugurata la sala riunioni della Questura di Terni: “Intitolata a Roberto Antiochia per mantenere vivo il suo ricordo”

Il giovane agente ucciso in un agguato di mafia 35 anni fa a Palermo: “Ha dedicato la propria vita alla legalità, rappresentando un valido insegnamento di attaccamento al dovere”

foto inaugurazione

E’ stata inaugurata dal questore Roberto Massucci, alla presenza del Prefetto della provincia di Terni Emilio Dario Sensi, la sala riunioni della Questura. Il locale è intitolato a Roberto Antiochia, giovane agente della polizia di stato nato a Terni, ed ucciso in un agguato di mafia 35 anni fa a Palermo.

Un’inaugurazione quella avvenuta nel corso della mattinata di venerdì 30 ottobre, ad ulteriore testimonianza dell’importanza di mantenere vivo il ricordo di chi come Roberto Antiochia - medaglia d’oro al valor civile alla memoria - ha dedicato la propria vita alla legalità. Inoltre rappresentato un valido insegnamento di attaccamento al dovere e uno sprone a dare sempre il massimo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a Terni il "primato" regionale per ricoveri anche in intensiva. I dettagli

  • Coronavirus e scuola, l’annuncio della presidente Tesei: gli studenti della prima media tornano in classe

  • Giovane donna dorme sotto la fermata dell’autobus, scatta la gara di solidarietà nel quartiere

  • Coronavirus, la regione Umbria rivede la zona ‘gialla’. A Terni crolla il dato degli attuali positivi: oltre centoventi guarigioni

  • Capodanno all'Ast, i nomi delle "star" che si esibiranno a viale Brin. Attesa per il dpcm e l' "incognita pubblico"

  • Sposta le transenne e finisce con l’auto nel cemento fresco, il sindaco: chieda scusa a tutti i cittadini

Torna su
TerniToday è in caricamento