rotate-mobile
Venerdì, 27 Gennaio 2023
Attualità

Lavoro in ospedale, ecco i bandi: si cercano infermieri, fisioterapisti e oss

Entro il 2020 al “Santa Maria” assunzioni per 167 posti, ora il piano passa alla Regione. I sindacati: buona notizia, ma resteremo vigili

Sulla carta, l’ospedale di Terni assume. Ma il piano, che prevede un ampliamento organico di diverse decine di unità nei prossimi due anni, passa all’esame della Regione che dovrà valutare il fabbisogno delle diverse aziende e decidere se dare il via libera. I sindacati: buona notizia, ma resteremo vigili.

L’azienda ospedaliera “Santa Maria” di Terni ha emanato i bandi di concorso per l’assegnazione di 27 posti da infermiere, 3 da fisioterapista e 11 da operatore socio-sanitario. Tutte figure con contratto a tempo indeterminato, alle quali vanno aggiunti alcuni avvisi per la costituzione di graduatorie per l’assunzione a tempo determinato di personale sanitario.

Una notizia “salutata con favore” da Cgil, Cisl e Uil, che sottolineano in una nota congiunta come questo provvedimento costituisca un “atto di distensione che arriva dopo la riapertura della vertenza, proclamata proprio in queste settimana da Cgil Cisl e Uil con l’adesione della Rsu dell’azienda ospedaliera di Terni”.

Notizia rispetto alla quale i sindacati manifestano l’intenzione di tornare al tavolo con il prefetto di Terni per modificare l’oggetto della vertenza, “con la richiesta di concordare i tempi per l’espletamento delle prove concorsuali evitando che questi diventino biblici”.

I sindacati sottolineano però che rimane ancora aperta la vertenza con la Regione che “ad oggi non ha preso alcuna posizione rispetto all’ampliamento della dotazione organica del Santa Maria di 76 unità, previsto nell’ accordo di marzo 2017”. Anche se la questione potrebbe essere affrontata nel tavolo convocato in queste ore dall’assessore regionale Luca Barberini.

“Dopo la riapertura della vertenza, l’emanazione dei bandi per assunzione di nuovo personale da parte dell’azienda ospedaliera di Terni e la convocazione in Regione da parte dell’assessore Barberini sono senza dubbio fatti importanti - dichiarano i segretari delle organizzazioni sindacali Lucci, Candelori e Ambrosino - Valuteremo cosa fare una volta incontrato l’assessore Barberini”.

“Oggi - proseguono i tre segretari sindacali - abbiamo una novità importante come l’adozione per il triennio 2019/2021 del fabbisogno aziendale, con l’azienda ospedaliera di Terni che ha deliberato il proprio nei tempi previsti. Le nostre organizzazioni non hanno avuto ancora modo di discuterlo, per cui ci riserviamo di esprimere una valutazione approfondita. Tuttavia, a prima vista sembrerebbe che il piano assicuri al Santa Maria quei requisiti di alta specializzazione richiesti dalle nostre organizzazioni a tutti i livelli, così come un adeguamento di organico capace di garantire la continuità assistenziale”.

Entro il 2020, in base a quanto deliberato dall’azienda ospedaliera di Terni, dovranno essere assunti 16 dirigenti medici, 67 infermieri 35 operatori socio-sanitari e 19 amministrativi per un totale di circa 167 unità di personale. Mentre spetta alla Regione, entro circa 3 mesi, valutare i fabbisogni di tutte le aziende sanitarie, per poi decidere quali approvare.

“Nel frattempo - dichiarano i sindacati - la vertenza a sostegno dell’applicazione dell’accordo di marzo 2017, affinché venga soddisfatto il fabbisogno dell’azienda ospedaliera di Terni, proseguirà affinché non vi siano squilibri tra territori”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lavoro in ospedale, ecco i bandi: si cercano infermieri, fisioterapisti e oss

TerniToday è in caricamento