Attualità Centro

Servizi educativi, il caso finisce in consiglio comunale: Pd e M5s chiedono chiarezza

Dopo la presa di posizione dei sindacati i partiti di opposizione presentano una interrogazione: “L’assessore Fabrizi non impara dagli errori del passato”

“La giunta Latini continua l’azione di smantellamento dei servizi educativi. Come forze di opposizione diamo massima solidarietà al personale scolastico del nostro comune, costretto a subire decisioni più utili a potenziare il ruolo dei privati che quello della pubblica amministrazione”. Gli ultimi sviluppi della trattativa tra Comune e sindacati nel settore dei Servizi educativi torna all’attenzione della politica, dopo la presa di posizione deilla Cgil, espressa nei giorni scorsi. 

Ad intervenire sono gli esponenti del M5s e del Pd, che presenteranno un'interrogazione a Palazzo Spada. “Dal Comune scelte unilaterali che ledono fortemente la professionalità di chi ha formazione e competenze maturate sul campo  e rischiano di compromettere la qualità dei servizi. Riteniamo anche maldestro e discriminatorio l’atteggiamento tenuto a livello sindacale, un atto di immaturità politica che sta acutizzando una situazione che rischia di degenerare e avere reazioni a catena, considerando che questo assessorato ha sbagliato tutto quello che c’era da sbagliare, ma anche in altri ambiti il malcontento dei lavoratori dell’ente è palese. Ricordiamo all’assessora Fabrizi  che quando ha preferito lo scontro al confronto in altri ambiti scolastici, ha visto le sue ragioni bocciate pesantemente con tanto di sentenze messe nero su bianco ignorate da chi le ha affidato questo incarico delicato. In fine annunciamo fin da subito che faremo chiarezza sulla determina oggetto: Estensione Contratto di Appalto - Gara CIG 85437036C0, l’assessora ha  previsto di attingere alle supplenze degli insegnanti dei Sec non più dal bando in essere ma da un’agenzia interinale, tra l’altro agenzia interinale selezionata tramite gara indetta da un’altra direzione. Ci chiediamo tra l’altro se questo sia corretto da un punto di vista amministrativo e cosa ne pensi in merito l’assessora al personale, che sembra subire sempre più passivamente le linee di indirizzo di altri dimenticando invece le responsabilità amministrative e politiche che il suo ruolo comporta. Tutte domande che sottoporremo con un’apposita interrogazione”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Servizi educativi, il caso finisce in consiglio comunale: Pd e M5s chiedono chiarezza

TerniToday è in caricamento