menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rifiuti "selvaggi" e vandali, pugno duro del Comune nella lotta al degrado

Braccio di ferro tra cittadini volenterosi e gli incivili, l'assessore Melasecche promette tolleranza zero: "Controlli serrati e multe. Niente alibi per i minori, pagheranno i genitori"

Lotta al degrado, tolleranza zero contro i vandali. Non passa giorno che la cronaca cittadina non restituisca una discarica abusiva di rifiuti in qualche angolo del centro o della periferia. Gente che ignora le minime regole di convivenza civile, vandali che imbrattano con le scritte palazzine monumenti restituendo un’immagine a tratti vergognosa della città.

Una situazione che va ormai avanti da anni e che malgrado iniziative, pur lodevoli, e continui appelli non accenna minimamente a cambiare. Negli ultimi tempi si sono moltiplicati gli sforzi anche dei singoli cittadini che si sono riuniti in gruppi - da Retake a Mi Rifiuto - ma è spesso avvilente assistere al braccio di ferro che i vandali sembrano voler ingaggiare con chi ha ancora a cuore Terni e se ne prende cura. Troppi gli esempi di zone ripulite dai cittadini e dopo pochi giorni di nuovo lordate. Una guerra “culturale” dove ignoranti e maleducati non possono e non devono avere la meglio.

Serve il pugno duro e ora la nuova amministrazione comunale è intenzionata a utilizzare  gli strumenti a propria disposizione per combattere il degrado che - tra le altre cose - ha un costo anche economico che le disastrate casse comunali non possono assolutamente permettersi. “Da ora controlli sempre più serrati - promette l’assessore al Decoro, Enrico Melasecche - basta con il buonismo a buon mercato che ha ridotto Terni ad una latrina. Chi sporca, chi getta rifiuti ovunque, chi spacca panchine e monumenti deve pagare e se minorenne paghino i genitori”.

La speranza è che i controlli, al di là degli annunci, siano capillari ed efficaci cosa che in passato è stata solo a spot anche in virtù delle solite carenze di organico della polizia locale. Per questo serve anche la collaborazione della città.


“Dobbiamo tutti collaborare con i vigili urbani - prosegue Melasecche - e le altre forze dell’ordine. Terni è di tutti, è la nostra, se lasciamo che maleducati la offendano è come se offendessero un nostro familiare. Dobbiamo fare foto, redarguire, segnalare. Solo una collaborazione corale  e convinta di tutti può invertire questa sorta di assuefazione allo sporco, al degrado, alla trascuratezza. Un grazie a tutti quei cittadini che partecipano a questa rivoluzione culturale insieme al Comune”. Ora si attendono fatti concreti. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Muore la padrona e restano "orfani". Due gatti cercano famiglia a Terni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TerniToday è in caricamento