rotate-mobile
Domenica, 3 Luglio 2022
Attualità

La sanità che non va: “Da giorni aspetto una risonanza magnetica, è urgente ma nessuno mi ascolta”

La prenotazione per una sospetta neoplasia, ma dalla Asl nessuna risposta: “Mi è stato detto che non possono fare nulla: dipende dal reparto e mi devo solo rivolgere al servizio di segnalazione”

“Sono giorni che aspetto di essere chiamato per sottopormi ad una risonanza magnetica senza contrasto, avanzata con urgenza dal mio dottore il 12 maggio scorso. Ma alla Asl nessuno mi ascolta”. E' quanto raccolto in esclusiva da Ternitoday.it da un geometra ternano che deve eseguire l’accertamento, come disposto dal medico curante, per una sospetta neoplasia.  

“Ogni cittadino con richiesta urgente – racconta il professionista - ha diritto che (la richiesta urgente, ndr) venga evasa entro dieci giorni. Mi sono recato alla Asl e mi viene detto che non possono fare nulla: dipende dal reparto e mi devo solo rivolgere al servizio di segnalazione per recupero prenotazioni. Così ho fatto già due volte, senza avere risposta”.

Sono decine di migliaia le prestazioni sanitarie che a Terni e nel resto dell’Umbria sono finite in coda di attesa a causa dell’emergenza Coronavirus. Creando così liste d’attesa che sono diventate – spesso – ancora più lunghe di quanto già non fossero prima della pandemia. Il risultato è che per eseguire alcune prestazioni, soprattutto quelle più urgenti, al cittadino non resta altro da fare che rivolgersi alle strutture private, alimentando però in questo modo una disparità di trattamento tra chi può effettivamente contare su proprie risorse per curarsi e chi, purtroppo, questa possibilità non ce l’ha.

Il professionista chiede dunque non solo di riuscire a sbloccare la sua situazione personale ma soprattutto di “avere il rispetto delle regole da parte delle istituzioni e quantomeno di essere presi in considerazione e meritevoli di una umile e sensata risposta chiarificatrice e con date certe, quanto più urgenti”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La sanità che non va: “Da giorni aspetto una risonanza magnetica, è urgente ma nessuno mi ascolta”

TerniToday è in caricamento