menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Pendolari "tartassati"

Pendolari "tartassati"

Carta Tutto Treno, il M5S: "Rinviare l'introduzione dell'Isee"

I grillini si appellano alla Regione: "I costi aumenteranno a dismisura, non faccia dei pendolari umbri delle cavie nazionali"

"La Regione non faccia dei pendolari umbri delle cavie nazionali e rinvii l'applicazione dell'Isee per la Carta Tutto Treno". Il M5S raccoglie il grido di allarme dei pendolari contrati all'introduzione dell'Isee per l'acquisto della Carta Tutto Treno che consente di loro - fino ad ora - di usufruire a prezzi contenuti di Intercity e Frecciabianca in abbinamento all'abbonamento per il servizio regionale. 

"Lavoratori, studenti, famiglie umbre - attaccano - lamentano che, per la maggior parte di essi, l’applicazione dell’Isee alla Carta Tutto Treno provocherà, a fronte di micro risparmi, un deciso innalzamento dei prezzi mensili per la mobilità, essendo già costretti a spendere almeno 400 euro per la Carta, oltre a svariate altre centinaia di euro per l'abbonamento ordinario. L'assenza di convogli regionali in fasce orarie specifiche, nonché il calcolo scorretto del chilometraggio di alcune tratte, comportano già oggi un autentico dissanguamento per le tasche dei pendolari. L'avvio dell'Isee peggiorerà la situazione, rischiando di costare agli interessati fino a ulteriori € 300.

Per i grillini, dunque, "l'applicazione dell'Isee non può dunque penalizzare ulteriormente centinaia di donne e uomini già oggi economicamente svantaggiati, colpevoli solo di andarsene quotidianamente da un'Umbria incapace di offrire lavoro. Chiediamo pertanto alla Giunta Marini un'approfondita riflessione per evitare tali distorsioni, rinviando l'applicazione generalizzata dell'Isee senza fare dei pendolari umbri le cavie nazionali di questo strument. Non c'è infatti una sola Regione che in Italia abbia usato l'Isee per il trasporto ferroviario. La Giunta assicuri, ovviamente, almeno quei micro tagli, pari a 50 euro, già annunciati per i più deboli. Forse ben altro potrebbe spuntare per costoro e per gli altri, se solo riuscisse a ricontrattare col Gruppo FS il Contratto di Servizio che da oltre un decennio, dalla Regione al monopolista dei trasporti FS riversa qualcosa come quasi 40.000.000 euro l'anno". 

Tuttavia la Regione sembra intenzionata ad andare avanti per la sua strada e domani sarà discussa la proposta nell'ambito della Consulta dei consumatori - dove molte associazioni sono contrarie all'Isee - il cui parere non è comunque vincolante per la Giunta. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Muore la padrona e restano "orfani". Due gatti cercano famiglia a Terni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TerniToday è in caricamento