Tradizione e innovazione, ecco le attività commerciali “di trincea”

Stamattina la Confcommercio ha consegnato dei riconoscimenti a cinque attività ultracentenarie e a cinque nuove realtà che guardano al futuro con ottimismo, nonostante la crisi

Non sono mancati occhi lucidi, ricordi di vecchi amici, abbracci e tanta voglia di guardare il bicchiere “ mezzo pieno”.
In pieno clima natalizio, la Confcommercio di Terni ha voluto premiare dieci attività commerciali, cinque ultracentenarie e cinque più recenti, caratterizzate da una forte spinta innovativa.

Un riconoscimento, come ha detto il presidente della Confcommercio Stefano Lupi, alle attività “di trincea”, quelle che resistono nonostante la crisi, nonostante le numerose chiusure che si registrano e che, anzi, guardano in avanti con la voglia di fare sempre meglio. Ed è così che si sono susseguiti i titolari e i discendenti di aziende note davvero a tutti – dalla trattoria La Mora al bar Pazzaglia, passando per la gelateria Poscargano, Piccioni e Organtini – accanto ad altre che che si sono distinte per la loro capacità di guardare al futuro in maniera innovativa e originale: Holy Food, Luca Quintili, Alessandro Deflorio, Macelleria Pucci e Banderari.
“Questo è un periodo di bilanci - ha detto Lupi – dopo un anno difficoltoso, sempre caratterizzato dalla crisi economica. Nonostante questo, sono molte le attività commerciali che tengono in piedi non solo le loro sorti, ma lo stesso tessuto economico della città. Per questo, ci è sembrato giusto lanciare oggi un messaggio di vicinanza”.
Vicinanza ad attività storiche così come a quelle innovative, una prima edizione di un appuntamento - Dalla tradizione il futuro - che vuole diventare fisso.
Alla premiazione anche lil vicepresidente di Confcommercio Mirko Zitti, la coordinatrice Maria Bruna Fabbri, il presidente della Camera di Commercio Giuseppe Flamini e il vicesindaco Andrea Giuli

Al termine della premiazione è stato consegnato un riconoscimento alla memoria di Alfio Corradi (azienda Mode Manni), presidente per tantissimi anni di Confcommercio Terni, e all’azienda Calabresi Paolo, che ha attuato con successo il passaggio generazionale.

Ecco le aziende storiche premiate:

PASTICCERIA PAZZAGLIA

Pazzaglia-2
La famosa tradizione pasticceria di Terni nasce con Spartaco Pazzaglia, ternano da generazioni, ma anche figlio d’arte in quanto sia il nonno paterno che suo padre possedevano, già nella metà dell’ottocento, due piccole pasticcerie al centro della città. Fu così che nell’anno 1913, all’inizio di quella che verrà designata come la “strada noa”, ovvero corso Tacito da poco urbanizzata e resa il centro economico e amministrativo della città, egli aprì il Caffè-Pasticceria-Sala da Thè, iniziando una avventura che, per quanto riguarda le sue ricette originali, prosegue ininterrotta per più di cent anni.
Oggi all’inizio del nuovo millennio la giovane e dinamica gestione “Pazzart” erede e depositaria dell’antica tradizione di casa Pazzaglia, tramanda con lo stesso amore e la stessa dedizione le ricette di Spartaco.

TRATTORIA LA MORA

La Mora-2
Sorta nel lontano 1904, la Trattoria la Mora mantiene ancora il fascino del tempo trascorso. L’attività è stata avviata dalla nonna Elisa. Con il passare del tempo, l’attività passò poi ai figli, in particolare alle nuore, una delle quali era Luigia, madre dell’attuale proprietaria. La conduzione in terza generazione è passata quindi a Giuliana Stella e continua ad essere a gestione famigliare, infatti in cucina lavora il figlio Andrea fortemente convinto di continuare l’attività.
La Mora è sempre stata il punto di ritrovo dei ternani: a mangiare in quella trattoria andavano spesso anche l’architetto Mario Ridolfi e FRankl, i due che negli anni ’60 misero a punto il piano regolatore di Terni.

BAR GELATERIA F.F. DI VENTURINI FRANCA 

Poscargano-2L’ impresa si tramanda di generazione in generazione dalla fine dell’800. In una area prettamente agricola e poco urbanizzata, nel 1980 il bisnonno Giovanni, proprio nello stabile attuale, avviò un’attività commerciale che poi il nonno Francesco ampliò trasformandola in una osteria – tabaccheria. Negli anni ’50 subentrò il figlio Giovanni fino al 1991 quando, come quarta generazione, la figlia Franca assume la gestione e con grande professionalità e dedizione la caratterizza come Bar-Caffetteria-Gelateria valorizzando tutto il territorio circostante. L’attività è ormai conosciuta come “Gelateria di Poscargano”, fortemente specializzata e rinomata ben oltre i confini cittadini. L’impresa fa parte del Consorzio “Francesco’s way” che si occupa della promo-commercializzazione della via francigena.

ORGANTINI 1896
Dal 1896 la famiglia Organtini, di generazione in generazione, presente nel settore della distribuzione all’ingrosso e al dettaglio di bevande, vini ed alimenti ha contribuito alla crescita ed allo sviluppo della città. Oggi è Mario ad occuparsi dell’attività.

DAL 1906 PICCIONI
E' un racconto di oltre 100 anni iniziato nel Settembre del 1906 a Terni con il bisnonno Luigi Piccioni fondatore della cappelleria Piccioni in C.so Vittorio Emanuele attuale C.so Vecchio.
Nella piccola attività lavoravano in tre; Luigi, sua moglie e un operaio. Nessuna improvvisazione e molto impegno: Luigi andrà a specializzarsi dal famoso Albertini a Roma in via della Scrofa. La specializzazione della cappelleria era quella di produrre cappelli in feltro e berretti in tessuto cuciti rigorosamente a mano. La nonna Adele faceva a mano i berretti per gli operai dell’Acciaieria che la mattina andavano al lavoro in bici. L'attività passa successivamente al figlio Bruno che dopo esperienze lavorative a Londra e Roma, trasformò l'attività artigiana in un negozio al dettaglio con tutte le marche di cappelli più prestigiose.
Nei primi anni '80 succede a Bruno il figlio Sergio che oltre a vendere i cappelli, amplia l'offerta dei copricapo aggiungendo anche numerosi accessori per l'abbigliamento riservati alla clientela più esigente.
Dal 2001 l'attività è gestita dai suoi due figli Fabrizio e Riccardo che nel settembre del 2006 hanno ristrutturato completamente il negozio per festeggiare il secolo di attività, allargando la proposta alla clientela di cappelli e accessori, con l'abbigliamento esclusivo inglese.

Ecco invece le imprese innovative:

LUCA QUINTILI

Quintili-2

Nel 1974 i nonni di Luca aprono una attività di macelleria/norcineria nel borgo medievale di San Gemini. Con il passare del tempo anche lo zio decide di dedicarsi allo sviluppo dell’attività specializzandosi nella preparazione degli insaccati e porchette, utilizzando il vecchio forno comunale, costruito dai Frati Agostiniani nel 1700. Inizialmente Luca fa scelte lavorative diverse. Arriva nel 2014 la decisione di riattivare tutto prendendo in gestione il forno pubblico, acquistato nel corso di questo anno. Attorno agli antichi sapori egli costruisce così la sua nuova attività e diventa imprenditore dello street food di qualità, una vera e propria eccellenza. Sulla scorta della sua passione per le auto d’epoca, sceglie di vendere i prodotti in una roulotte vintage, una Laika del ’63, rarissima color Tiffany che ristruttura personalmente, curando ogni minimo dettagliando in modo da renderla degna cornice alle ricette del territorio da somministrare con l’eleganza che lo contraddistingue, a partire dai manicotti per arrivare al papillon anni sessanta. 

HOLY FOOD
Nel 2017 due giovani donne, grazie alle agevolazioni offerte dalla legge regionale per l’imprenditoria giovanile, decidono di dare vita ad una attività innovativa nel centro di Terni in Via Angeloni che combina la ristorazione genuina con la vendita di prodotti alimentari, principalmente di provenienza locale e biologica. L’attività si basa su un processo di ibridazione costante nell’intento di rendere il negozio un luogo dove tenere insieme la natura commerciale e la mission sociale: si organizzano incontri, iniziative formative, esposizione e vendita di prodotti artigianali, presentazioni di libri, spettacoli musicali, ecc.
Questa piccola bottega crede in un approccio imprenditoriale inclusivo dove le imprese commerciali sono driver di connessione economica e sociale nei territori e non solo erogatori di servizi; con le loro attività creano infatti possibilità, abilitano e intermediano. A titolo esemplificativo ricordiamo che per questo Natale ha dato vita ad un temporary shop in cui propone prodotti di artigiane locali ed in particolare con il marchio ELLOLE ha lanciato ERTA ,una capsule collection, vale a dire una selezione di prodotti di abbigliamento e per la casa di cui non si può fare a meno, caratterizzati con frasi in dialetto ternano. 

OFFICINA DEL PAPILLON – BANDERARI

Banderari-2

Nel 2010 Angela e Omar si incontrano, capiscono di avere una visione univoca della vita e nel 2014 decidono di dare inizio ad un’esperienza lavorativa alternativa in un momento di forte recessione, cercando di rimanere coerenti con gli ideali della propria terra. 
Decidono così di realizzare accessori come papillon e cravatte, trasformandoli in creazioni uniche ed esclusive, utilizzando unicamente tessuti di altissima qualità, come le più preziose lane e cashmere del biellese e le migliori sete comasche. 
Nel 2016, nonostante il momento di forte recessione, Banderari apre il primo store nel quartiere medievale di Terni all’interno di un locale storico un tempo parte del complesso di case appartenute alla nobile famiglia dei Castelli, cui seguirà nel 2019 l’esperienza del primo pop-up store nella vicina Amelia. 
Non un semplice negozio, ma una sorta di spazio-tempo fuori dagli schemi dove è possibile ritrovare un modo di fare commercio di altri tempi, improntato sul ritorno ad un dimensione più umana in cui instaurare relazioni, dove poter discutere, scambiare impressioni e conoscenze. 

MACELLERIA PUCCI

Pucci-3
La Macelleria Pucci è un antico negozio dedicato alle carni fresche e stagionate dal 1964 di generazione in generazione, ha continuato ad offrire carni di prima scelta alla clientela ternana e non. Alla vendita di carne fresca, approvvigionata direttamente da produttori locali, si è aggiunta una premiata attività di norcineria, con l’apprendimento delle tecniche classiche di stagionatura a base di soli ingredienti naturali, senza conservanti. 
Le ricette di norcineria classica sono rimaste invariate nei decenni, e sono uno dei tratti distintivi dell’offerta riconosciuta in tutta la città e oltre.
Nel 2013, venuto a mancare Ugo Pucci, il figlio Andrea ha ereditato l’attività con l’intenzione di dare nuovo slancio e nuovi obiettivi, più idonei ai cambiamenti avvenuti al tessuto sociale e commerciale negli ultimi cinquant’anni, con particolare riferimento agli anni Duemila.
L’obiettivo è fare perno sulla tradizione e il successo della macelleria / norcineria realizzando un polo gastronomico d’eccellenza a km zero che integri l’offerta di carne, salumi, latticini, pasta fresca, il tutto consumabile a casa come sempre o in loco, garantendo la massima qualità e freschezza, in un’atmosfera unica nel suo genere.

ALESSANDRO DEFLORIO
L'attività è stata intrapresa da Andrea Deflorio a metà degli anni 60 a Terni. Iniziò negli anni 70 una ispirata collaborazione con Mario Arcangeli, creatore del celebre atelier Mastro Raphael. Tante le collaborazioni con artisti visivi ed architetti eclettici che influenzarono e firmarono rivoluzionarie collezioni tessili.
Dalla metà degli anni 80 fino ad oggi il negozio “ Andrea Deflorio corredi” è diventato il punto di riferimento della biancheria ed il tessile per la città e tutta la provincia.
L'attività continua oggi con la nuova forza lavoro dei figli, forti dell'importante base clienti e la riconoscibilità del marchio, ma sfruttando anche le tecnologie che sono diventate integranti nel mondo del “retail” e nuovi prodotti e processi produttivi ispirati al mondo bio e alla eco sostenibilità e trasformando il negozio in un luogo di incontro in cui organizzano eventi, grazie ai quali si potranno osservare l'innovazione e le esigenze creative dei nuovi designer in costante dialogo con la tradizione dei modelli storici del corredo italiano.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: “Siamo a Terni e non in qualche paese lontano da noi”. La foto scattata all’ospedale fa il giro del web

  • Risse per le strade di Terni e assembramenti in centro. Con il dpcm non cambia la musica

  • Arriva il dpcm di Conte, ma è scontro con le regioni. La Tesei pensa a un'ordinanza restrittiva

  • Addio a Maria Chiara. Mons. Piemontese: "Non esiste un'app "Immuni" per la droga. La felicità è altrove"

  • Ospedale di Terni, ulteriore stretta sugli accessi: i provvedimenti attuati per limitare la diffusione del Coronavirus

  • Raccordo Orte-Terni, si apre voragine sulla carreggiata: traffico in tilt ed intervento del personale Anas

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento