Martedì, 21 Settembre 2021
Attualità Centro

Arte e decoro, il supporto dei volontari di ‘Mi Rifiuto’ per ripulire piazzale della Rivoluzione Francese. Nuovo murale in città

L’associazione ‘Bruna Vecchietti’ dona il ventunesimo murales alla città grazie all’impegno di Anna Maria Vecchietti e de Lo zoo di Simona. I volontari a sostegno dell’iniziativa

foto Giacomo Sirchia

Una giornata di ‘arte e decoro’ quella andata in scena nella festività del 2 giugno. L’associazione ‘Bruna Vecchietti’ ha donato infatti il ventunesimo murales alla città di Terni, grazie all’impegno di Anna Maria Vecchietti e Lo zoo di Simona. Quest’ultima, nelle scorse settimane, aveva dato vita ad un’iniziativa davvero originale denominata ‘Sarà una grande primavera’ poi allargata a ‘Sarà una grande primavera rossoverde’ dipingendo le vetrine di tantissime attività. Un messaggio di speranza, in previsione dell’auspicata ripartenza che poi è confluito nella splendida cavalcata delle Fere, culminata con la promozione in Serie B.

“Su invito di Anna Maria Vecchietti e de Lo zoo di Simona, questa mattina nove volontari del gruppo civico Mi Rifiuto hanno voluto essere presenti nell'area di piazzale della Rivoluzione Francese dove è stato realizzato un nuovo murales a cura dell'Associazione ‘Bruna Vecchietti’. Il decoro, dunque, realizzato attraverso una forma d'arte ma anche attraverso la pulizia vera e propria del sito” raccontano i volontari nel consueto report post intervento. “Per quanto riguarda la nostra attività, anche oggi i rifiuti non sono mancati di certo, seppure la pulizia del sito abbia riguardato, quasi esclusivamente, l'area utilizzata, per aspettare l'autobus.  Area utilizzata, dunque, da tanti viaggiatori i cui snack o le cui bibite erano ancora tutte presenti in terra in ‘ricordo’ della loro presenza in quella zona”.

Ed ancora: “Abbandonare un rifiuto, per qualcuno, significa disfarsene definitivamente, farlo scomparire. Ci si libera da un peso "fisico" ma resta, come un macigno, il peso ‘morale’ di aver contribuito alla devastazione dell'ambiente che ci circonda. È con questo peso che vogliamo continuare a vivere?” si chiedono. “Molte delle persone che partecipano alle nostre iniziative ci dicono di sentirsi più ‘leggere’ dopo aver ripulito un'area dai rifiuti. La ricerca della leggerezza, che passi dall'arte o dalla partecipazione attiva, è senz'altro un valido strumento per cercare di rendere questo pianeta un posto migliore. Noi proseguiremo senza sosta le nostre attività cercando, come sempre, di riuscire a coinvolgere il maggior numero di persone possibili, affinché l'esperienza sul campo possa portare ad una vera presa di coscienza del problema, dell'abbandono indiscriminato di rifiuti”. Ulteriore missione portata a compimento.  

GALLERIA FOTOGRAFICA

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arte e decoro, il supporto dei volontari di ‘Mi Rifiuto’ per ripulire piazzale della Rivoluzione Francese. Nuovo murale in città

TerniToday è in caricamento