Sabato, 18 Settembre 2021
Eventi Acquasparta

Acquasparta sold out per la festa del Rinascimento: “Dopo il Covid cambiamo approccio”

Presentata l’edizione 2021 dedicata a Dante Alighieri, in presenza dopo l’esperienza digitale dell’anno scorso: “Le forze in campo non si fronteggiano, ma combattono insieme”

Alberghi e hotel esauriti ad Acquasparta per l'edizione 2021 della festa del Rinascimento, che torna in presenza dopo lo stop per il covid. L’evento è stato presentato venerdì mattina nella sala consiliare della Provincia di Terni, alla presenza del sindaco di Acquasparta, Giovanni Montani, dell’assessore alla cultura, Guido Morichetti, e dei vertici dell’ente organizzatore. Spettacoli al via dal 26 agosto fino al 5 settembre.

La presidente dell’ente Rinascimento, Raffaella Raggi, la segretaria, Vanessa Croccolino, l’amministrazione e la consigliera comunale Simona Corallini hanno ricordato come “la festa prenda spunto e origine dalle nozze del principe Federico Cesi con la nobile Artemisia Colonna, celebrate nel 1614”. Il sindaco Montani ha sottolineato il fatto che “il Rinascimento è una festa unica nel suo genere e che mostra elementi di grande qualità e struttura storico-culturale intrecciati con la prestigiosa figura di Federico Cesi”. A ribadire il concetto è stata la presidente dell’ente Raggi che ha ricordato come Acquasparta sia “l’unico borgo in cui si svolge una festa dedicata all’epoca tardo-rinascimentale, fino a sfiorare il barocco”.

L’assessore alla cultura Morichetti ha fornito alcuni dati sulle presenze, affermando che, tolto il periodo covid, la media è stata sempre di circa 30mila visitatori. Sempre Morichetti ha presentato la novità dei pacchetti turistici che mettono insieme tutti gli operatori del territorio. “Un’innovazione che ha già prodotto il tutto esaurito per quanto concerne l’ospitalità”. 

“E quindi uscimmo a riveder le stelle” è il titolo dell’edizione 2021 dedicata al sommo poeta Dante Alighieri. Ci saranno spettacoli in piazza tutte le sere che per la prima volta non vedranno sfide fra le tre contrade di Ghetto, Porta Vecchia e San Cristoforo ma una collaborazione e un’unione, sottolineata dall’organizzazione dell’evento. Nelle taverne infine si potranno gustare piatti di ricette rinascimentali, mentre il focus sui prodotti di qualità toccherà quest’anno l’olio extravergine di oliva.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Acquasparta sold out per la festa del Rinascimento: “Dopo il Covid cambiamo approccio”

TerniToday è in caricamento