Nuova gestione per un locale storico della movida ternana

Una nuova apertura con tante novità attese: “Bentornati a casa sognatori”. L’Opificio dà appuntamento a domani sera per il party d’apertura

Dj

“Ognuno di noi ha un paio di ali, ma solo chi sogna impara a volare”. Una frase di Jim Morrison scelta per lanciare il party d’apertura. Una nuova gestione per l’Opificio, locale storico della movida ternana che si appresta ad accogliere la propria clientela dalla serata di domani. Come è noto, nei mesi scorsi, c’era stato il saluto di Alessio Barcaroli che aveva gestito per dieci anni (prima Queency ndr) la struttura con altri soci. Ora dopo l’avvicendamento è arrivata la nuova stagione: “Irriverente, innovativa, stravagante e soprattutto infinitamente attesa. Vi accompagneremo in un viaggio di emozioni lungo tutta una stagione, con fantastiche sorprese, un nuovissimo sound e una nuova luce che avvolgeranno le nostre notti magiche”. Scelta doppia, come ormai è tradizione, per i tanti ragazzi e ragazze che affolleranno la discoteca, situata nell’immediata periferia della città. Nella main room si alterneranno in consolle Giò Brunetti ed Aldo D’Alessandro con la voce di Jacopo Lilli ad animare la nottata. Per chi amanti di sonorità più ricercate e pulsazioni musicali accelerate la saletta dell’Industry Bar con i djs CNK e LCDOT. Inoltre per chi volesse raggiungere l’Opifico con la navetta previsti bus gratuiti da via Primo Maggio e piazza Garibaldi di Narni.    

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si tornerà in "zona arancione". Domani l'ordinanza che farà retrocedere l'Umbria

  • Lutto a Terni, è scomparso Mauro Moretti noto ristoratore di una storica attività del territorio

  • Esce dall'auto e poco dopo si accascia a terra e muore. Un sabato pomeriggio drammatico a Ferentillo

  • Da San Gemini alla Siberia, la storia d’amore e l’annuncio di Lorenzo Barone: “Mi sposo con Aygul”

  • La profumeria ecobio e l’idea creativa di un’imprenditrice ternana: “Ispirata da una filosofia di vita”

  • Terapie intensive, ricoveri ordinari e indice Rt: ecco perché l’Umbria rischia il “cartellino” arancione

Torna su
TerniToday è in caricamento