Comune di Terni:"Il ruolo della città non può essere secondario"

Il capogruppo di Senso civico Alessandro Gentiletti:"Soddisfazione per la decisione dell'Arpa di bloccare la regionalizzazione e per l'intenzione di portare la cabina di regia a Terni"

comune di Terni

“Soddisfazione per la decisione dell'Arpa di bloccare la regionalizzazione e per l'intenzione di portare la cabina di regia a Terni – dichiara Alessandro Gentiletti capogruppo di Senso Civico. A tal proposito sottolinea - questo ultimo punto in particolare è stato un mio cavallo di battaglia, che la maggioranza ha accolto come emendamento e approvato nel recente atto di indirizzo. Questo primo risultato non deve fermarci, c'è ancora molto da lavorare sul riequilibrio territoriale e sul ruolo di Terni nelle dinamiche dell'Italia centrale. Un ruolo che non può essere secondario per una città tra le più rilevanti per dimensioni demografiche e protagonista assoluta nella produzione industriale del Paese.

L'amministrazione comunale -  afferma Gentiletti - convochi per una audizione l'assessore regionale Bartolini. Il tema delle riforme regionali e delle macro regioni è particolarmente significativo per la nostra città. È doveroso che l'amministrazione si attivi per tutelarne gli interessi e difendere e potenziare il ruolo che Terni deve avere nell'Italia centrale. Per questo chiediamo al sindaco e ai presidenti delle commissioni competenti di far sentire la voce della città anche in ambito regionale invitando l'assessore a venire a Terni a riferire e a confrontarsi col Consiglio comunale sulla riforma delle macroregioni e il ruolo che pretende ed esige Terni nel nuovo assetto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Chiedo all'Amministrazione comunale che Terni, per quanto riguarda i temi degli equilibri territoriali  e del suo ruolo regionale e nazionale, non sia più solo costretta a tamponare situazioni che la penalizzino - come sta avvenendo per la sanità pubblica e come poteva accadere per l'Agenzia regionale per la protezione ambientale - ma che si faccia lei promotrici di un cambio di rapporti, di considerazione e, non ultimo, di dislocazione di servizi a valenza regionale”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: “Siamo a Terni e non in qualche paese lontano da noi”. La foto scattata all’ospedale fa il giro del web

  • Risse per le strade di Terni e assembramenti in centro. Con il dpcm non cambia la musica

  • Terni a luci rosse, “lucciole” e trans venduti come schiavi del sesso: ecco l’operazione Doña Claudia

  • Arriva il dpcm di Conte, ma è scontro con le regioni. La Tesei pensa a un'ordinanza restrittiva

  • Addio a Maria Chiara. Mons. Piemontese: "Non esiste un'app "Immuni" per la droga. La felicità è altrove"

  • "Sognava di diventare medico". Gli amici e le istituzioni ricordano Maria Chiara. Oggi l'autopsia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento